15 febbraio 2008

Gnovis pagjinis furlanis

E je disponibile la riviste anuâl de associazion "Union scritôrs furlans" (te foto la cuviertine dal ultin numar): tra i tancj intervents biografics, storics, di politiche linguistiche e normative su la tutele de lenghe, recensions, gnovis che a rivin de ladinie, al è ancje un gno articul che si intitule "Emigrâts inte Rêt".

13 commenti:

ILfurlanist ha detto...

La cuviertute e sa propit di robe gnove...

fausto floreani ha detto...

Nel Corriere della Sera di oggi a pagina 25 si parla del no del governo alla legge regionale sul Friulano e c’è questo occhiello di Paolo Di Stefano dal titolo “La minoranza sia ragionevole” .

“E’ di pochi giorni fa la notizia sul nuovo analfabetismo anche tra i laureati. Per cui capita che un medico chieda al collega di aiutarlo a “diramare” un dubbio. Niente da dire sui diritti di una minoranza. Ma è anche sacrosanto che la maggioranza faccia valere un minimo di ragionevolezza. Che suggerirebbe, in momento in cui l’insegnamento dell’italiano stenta a conquistare una posizione sufficiente, di puntare sulla grammatica della lingua nazionale. Mentre sarebbe arduo pensare a una codificazione scolastica della multiforme ”marilenghe” che non tagli fuori i sacri diritti dei parlanti, che so, di Cormons o di Zoppola. E poi andate a vedere il blog “Il furlanist”. Notizia del giorno: “Illy al si dimet par fa sì che si fasedi l’election day”. Difesa di una cultura minoritaria ?”

Non potendo avere tutto, anche per problemi di bilancio, si è obbligati a fare delle scelte ed in questo caso, pur essendo orgoglioso di essere friulano, ritengo che, per il futuro dei nostri giovani, sia prima di tutto essenziale conoscere bene l’italiano e l’inglese per il cui insegnamento dovrebbero essere destinare maggiori risorse. I docenti devono essere più preparati ! A tal proposito è significativo il risultato di un sondaggio effettuato in Lombardia che ha evidenziato la stupefacente impreperazione degli insegnanti in genere che, spesso, si sono dimostrati più asini degli alunni.

thermonuke ha detto...

Ansa 13:29 - governo contro legge friulano: Borghezio ue tuteli minoranze
(ANSA) - BRUXELLES, 15 FEB - L'eurodeputato della Lega Mario Borghezio ha inviato un'interrogazione scritta alla Commissione Europea sull'impugnazione da parte del governo italiano della legge regionale del Friuli-Venezia Giulia a tutela della lingua friulana. Secondo Borghezio, l'intervento del governo ''e' in violazione dei diritti umani della minoranza di lingua friulana, risulta persino in contrasto con la legge italiana n. 482/99 sulle minoranze linguistiche storiche''. Peraltro, sottolinea ancora l'europarlamentare, ''in via autonoma, oltre 100 scuole in Friuli insegnano gia' il 'marilenghe', evidentemente in risposta ad una sentitissima esigenza identitaria del popolo friulano''.


Ce strane le vite ah?
Viot tu cui che al a di cjapa le difese dai "derits umans" des "identitats menors"...

Christian Romanini ha detto...

Mandi Fausto Floreani.
Grazie pal intervent che al sclarìs cemût che le pense.
Però o volarès dî alc a proposit che i bêçs a varessin di jessi spindûts par alc di plui util...
Tantis realtâts europeanis ancje se a son plurilengâls, a son un grum svilupadis dal pont di viste economic, culturâl e turistic: Catalogne, Paîs Basc, Lussemburc, Irlande, Gales, e vie indevant. Pal svilup economic il plurilinguisim nol è avonde, ma dal sigûr al jude: e za chest al varès di fâ rifleti su la sô impuartance, e su chê des risorsis di investî parsore. No par câs, i paîs a pene nomenâts a investissin une vore di plui di bêçs di ce che no fâs la nestre regjon. Investî risorsis tal pluirilinguisim no dome al cree puescj di vore leâts in maniere direte a chest cjamp, ma al met in vore un circul virtuôs che al zove ae inovazion e al svilup di un indot une vore larc. Intune economie globalizade come la nestre, il plurilinguisim al rapresente un vantaç che al permet di caraterizâ i prodots cence il pericul di omologâsi: par fâ un tant no coventin finanziaments a ploie, ma une politiche linguistiche serie. Ve che alore, investî ta chest cjamp, plui che util, al somee necessari.

Christian Romanini ha detto...

E ancje a proposit di inglês o volarès zontâ alc.
Meti un cuintri di chel altri furlan e inglês al significhe no vê nancje provât a documentâsi.
La logjiche dal plurilinguisim poiade di une vore di esperts di didatiche des lenghis no dome e sviluparès la funzion dal furlan dentri de scuele, ma e darès plui fuarce al imparâ l’inglês e chês altris lenghis internazionâls. Il sisteme scolastic talian al è une vore indaûr par chel che al rivuarde l’insegnament des lenghis, lis propuestis dai esperts a permetaressin di svilupâ percors didatics in linie cui standards europeans plui indenant (viôt il “Cuadri european di riferiment des lenghis” elaborât dal consei di Europe). Cun di plui, intant che l’inglês si lu studie in dut il mont, il furlan al è dome nestri: al è un element che nus fâs jessi unics e duncje al è inimitabil (e la cuestion dal “Tocai” e varès di vênus insegnât alc...). Furlan, talian, inglês o altris lenghis no àn di jessi metudis in cuintriposizion, ma a puedin e a àn di jessi adun intun percors didatic plurilengâl. No ducj a àn cheste oportunitât: strassâle al sarès pardabon imperdonâbil.

Christian Romanini ha detto...

Cun chest no ai voie di convertî nissun, ma dome dâ cualchi informazion di plui. E se o vin voie di lâ a viodi dulà che si varès di sparagnâ... lu ai za di une volte: trop nus costial un bombardîr e trop nus tornial util ancje dome un missil (che di bessôl al coste alc come 1 milion di euros, in cierts modei?)

Christian Romanini ha detto...

E di Borghezio o ai criticât tantis posizions (ciertis peraulis e ategjaments cuintri dai imigrâts no ju ai mai aprovâts), ma sul comunicât che al à mandât fûr vuê o pues dome complimentâmi.

Christian Romanini ha detto...

La discussion su la impugnazion e continue intun altri post:FRACAIT ACHì

thermonuke ha detto...

Cuindi tu acetis el "patrocini" de to cause di bande di Borghezio.

Ce metro strani....però...

Christian Romanini ha detto...

Nuie di strani, thermo.
Come che o ai za dit, di Borghezio no ai condividût e no condivît ciertis posizions che al à vût su cierts temis, ma sul comunicât che o ai let o pues dome complimentâmi.
No tu fasarâs migo ancje tu come chei che invezit di analizâ ce che un al dîs, tu cjalis prin di dut "cui" che lu dîs?...
Se tu no tu sês dacuardi cu lis leç di tutele linguistiche, lu aceti e lu rispiete, parcè che al è coerent cun ce che tu âs simpri dit. Ma cirî di screditâ une iniziative disint dome "Velu velu, cjale cui che le à dit" mi semee une argomentazion un tic debulute e che e sminuìs il to pont di viste.

thermonuke ha detto...

El argoment al e il patrocini, no le me opinion sule tutele linguistiche.


Cjale le lune e no il det... ;-)

thermonuke ha detto...

E soredut atu let ce che pensin i toi colegas di partit unic?

Setu inmo convint di gambia alc dal di dentri o statu tal cjaldut a viodi ce che al suciedarà?

Parceche al e il to partit chest nomo?

Christian Romanini ha detto...

Thermo, al è cualchi dì che tu cjapis une buse daûr di chê altre... ce ti sucedial?
Chel che tu segnalis tu nol è e non sarà il gno partît.
E ancje sul partît unic o ai cualchi pinsîr: prin di dut o volarès capî il passaç programatic. Il passaç politic che al è stât dit al è: metìns insiemit par semplificâ il cuadri politic. Ma se si à di condividi un percors, si à di frontâ cualchi pont di fonde stabil. Jo chest no lu ai sintût... forsit al è stât dit, ma mi à di jessi scjampât il parcè. Lu riten plui coerent il discors che e à fat la Lega, che si è federade (a nivel di elezions politichis) mantignint i siei ponts programatics.
La mê decision di jentrâ tal Pdl e dipendarà ancje di un resonament che si volarà fâ (o no fâ, ma no par cause mê) ancje su chestis tematichis.
Dut câs, fevelant dal link che tu âs fat tu, no mi viôt sentât ni dongje Ciani, ni dongje Menia. Ma tant al è un probleme che no si pon parcè che dal sigûr no soi candidât par lâ in regjon.