20 luglio 2006

Il plan pai implants de telefonie

Te prossime comission Teritori-Ambient che o ai convocât par vinars 21, si fevelarà di diviersis robutis. Une e je la prevision di un plan che al definissi lis modalitâts di instalazion dai implants tecnologjics: in pocjis peraulis tropis e dulà che a varan di jessi metudis lis antenis pai telefonuts.
Jo o ai une opinion e o volevi viodi ce che o pensais ancje voaltris: il probleme des antenis al è sot dai voi di ducj e stant che nissun al à voie di rinunciâ al celulâr al covente meti des regulis par evitâ che a vegnin sù pai cence ordin.
Secont me prin di dut chescj pâi a àn di jessi lontan dai ponts sensibii (scuelis, cjasis e ducj chei puescj li che e je une alte concentrazion di popolazion) e po al sarès impuantant che a fossin metudis suntune aree publiche cussì almancul l'afit dal teren al reste ae comunitât e no tes sachetis di chel o di chel altri privât. I doi pâi che a son a Maian in teorie no crein pericul, ma al sarès ben che no vignessin dongje ancje altris.
E sarà une specifiche comission tecniche a lavorâ su di chest document, ma mi è semeât util che ancje il consei comunâl al fos informât di cemût che a varan di lavorâ chescj tecnics. Cussì se si à di dâ cualchi consei, si lu fâs daurman e no dopo che il progjet al è za stât fat.

28 commenti:

bertoldo-sagjo ha detto...

Metemoli sul col del fum, o sul teto del municipio!


Te ga cava j anonimi.
Bravo!

MASANC ha detto...

Tignent cont alcje dal aspiet "visibilitâ" sul teritori

noè ha detto...

cun chei implans di telefonie a chi e rivin a fa un FILE-DIRETTO di comunicasion Majan-Milan cusì a nus semearà di ve simpri a chi il fileassessor!
la tecnologie nus iude in alc, va!

mariute ambientaliste ha detto...

BASTA!
BASTA!!
BASTA!!!
SOLO POLEMICHE, BUGIE, ILLAZIONI...
QUALCUNO HA DETTO BENE,
ANDATE A FARE UNA PASSEGGIATA SUI PRATI PIUTTOSTO CHE ALIENARVI DI FRONTE AD UN COMPUTER

Christian Romanini ha detto...

Mariute sintistu il cjalt?

bertoldo-sagjo ha detto...

mariute mariute no te la conti giusta tu....
te vol far credere che qui regna un clima falso, virtual e distacato dala realta.
Se te vardi bene se qualita che se sposano bene cole tue afermasioni!

o te ga le vampade? ciol qualcossa no? i ormoni i fa miracoli!

mariute ambientaliste ha detto...

MALEDUCATI E MASCHILISTI!
IO MI ASTENGO DA OGNI COMMENTO!
VERGOGNATEVI!
VERGOGNATEVI!!
VERGOGNATEVI!!!
VERGOGNATEVI!!!!
VERGOGNATEVI!!!!!

bertoldo-sagjo ha detto...

Me credo che Mariute voghia esere qualche cosa de più de una che oserva e critica. Par me è lampegjante che sta cirendo di alzare i toni dela polemica, magari portando fuori dal discorso chi le risponde.
Sta dando una mano a chi voresse dimostrare che qui se solo paltano strisscinando i meno avioduti sul tereno del ofesa.
Lei no ofende ma ti tira a cimento, usa la maiuscula, punti esclamativi a go-go, in fondo no se speta altro che un la insulti par dire che la gano insultada.

Lasela perde che fase el suo gjoco e jude quei che dise che qui se solo cjacare e monade!!
La se una STICCIABORE
O un TROLL?

MASANC ha detto...

A Bertoldo-sagjo :
Par chel che mi riguarde tu podis rispindigj o no, ancje a nom me.
No ai altri di di su Mariute.

mariute ambientaliste ha detto...

IO NON FACCIO IL GIOCO DI NESSUNO!!!
SE LA GIUNTA, IL SINDACO, GLI ASSESSORI, I CONSIGLIERI E QUALSIASI ALTRA PERSONA SPINGESSE CHRISTIAN A CHIUDERE IL SUO BLOG PER EVIDENTI MOTIVI DI OPPORTUNITA’ E DI RISPETTO VERSO I COLLEGHI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA, IO POSSO COME APPROVARE, COME NON APPROVARE…
MA NON SONO DI CERTO IO CHE SPINGO IN UNA CERTA DIREZIONE, IO NON RAPPRESENTO NESSUNO!!!
IO SONO UNA PENSATRICE LIBERA, CHE RIFLETTE, PONDERA E CON PACATEZZA ESPRIME IL SUO PENSIERO OPPURE, IN ALCUNI CASI, SI ASTIENE DA OGNI GIUDIZIO.

RAGAZZI, ASSAPORATE I PROFUMI DELLA VITA,
LA BLOG-ALIENAZIONE VI RENDE MIOPI!

MEDITATE RAGAZZI !
MEDITATE RAGAZZI !!
MEDITATE RAGAZZI !!!
MEDITATE RAGAZZI !!!!
MEDITATE RAGAZZI !!!!!
MEDITATE RAGAZZI !!!!!!

Christian Romanini ha detto...

MI displâs mariute, ma no je tante pachee in ce che tu scrivis. Ti vin domandât plui voltis di no scrivi in maiuscul, e tu? nuie, tu continuis a scrivi in maiuscul che in internet al è come berghelâ...
ti vin domandât di no doprâ ponts di esclamazion (vâl a dî: no berghelâ), e tu? nuie, tu continuis a metiju par dut...
e par sierâ tu continuis a conseâ di no passâ pal blog, ma ancje tu no puedis fâ di mancul di scrivi e soredut scrivi cuintri lis regulis de "netiquette"...
duncje par plasê ti fâs ìnmò une ultime domande: no sta vignî a fânus predicjis se dopo la prime che no sta tes regulis dal rispiet tu sês propit tu! Medite, mariute, medite!

Christian Romanini ha detto...

e dut câs achì l'argoment a son i implants di telefonie...

bertoldo-sagjo ha detto...

"se fanno chiudere il blog per EVIDENTI motivi di opportunità"
"posso approvare o NON approvare"
"esprimo con pacatezza"

Perche continui se questo posto non ti garba.
Mariute: se lultima volta che te rispondo: Impara tu leducasione provochi par fare polvere.
(Finalmente cristian me dai ragione!)

Christian Romanini ha detto...

Par Bertoldo
Se un al à reson, no ai tancj problemis a ametilu: o preferìs viodi ce che un al dîs, no cui che lu dîs...
E dut câs, se tu ti visis, la prossime volte met ancje un "H" tal gno non: Christian ;-)

bertoldo-sagjo ha detto...

schusa ma sai che son sgramatichato

Christian Romanini ha detto...

oh duncje, vuê o vin vude cheste comission teritori ambient li che si à fevelât dal plan pai implants.
une comission tecniche che e varà di cjapâ dentri Arpa, Asl, Universitât e vie indevant nus fasarà une propueste che no o puartarìn ai gjestôrs de telefonie. Dome che al è un problemut: la leç e specifiche dulà che no si puès meti i ripetitôrs (ospedâi, scuelis, centris pai anzians e vie indevant) ma cuant che a son lassâts fûr ducj chescj puescj, in pratiche il gjestôr de telefonie al è libar di meti lis antenis dulà che al vûl se al dimostre che lis alternativis proponudis des aministrazions no son avonde buinis par fâi rivâ il segnâl. Nô comission consiliâr o sin un tic preocupâts parcè che o sin ducj dacuardi di cirî di limitâ la presince di antenis, ma al semee che une vore dificil contrastâ i gjestôrs. La cuestion e je un tic ingherdeade e cumò o voi a tirâ fûr il test e a informâmi. Se cualchidun al à un pocje di cognission di cuase, par plasê o domandi un consei. Grazie

Jeur ha detto...

Met une rubriche:


CU ISE MARIUTE?

a- Isal File viestut di femine?
b- Isal Zonta viestut di omp (un cui cojons)?
c- Isal Thermonuke cal sticeboris?
d- Ise le masarie dal plevan?
e- Ise che sul camper tai cjamps di Dignan che i plas le "nature"?
f- ....

Di sigur no vores vele come femine a cjase tant che berle!

O savares jo dula poià i pai dal telefono!

Cun ches post no tabai plui di je fin quant no sbase les letares!
Se no o fas el so gjuc!

Christian Romanini ha detto...

ma achì no si vevial domandât di fevelâ di telefonie?

thermonuke ha detto...

Gjeur:
Che Diu mi fulmini òu gjuri che mariute no soj jo.
a, b, son rispuestis interessantes;
d interessant ma un tic mancul;
e, al je un pies che no la viot;
La f... tu podaressis sei tu?

Jeur ha detto...

O domandi scuse! O soi lat fur tema (ancje se alc lu hai dite sui pai).
Thermo sta sigur che no soi jo! No hai giá avonde di disgracjes che mi covente acje cheste!

mariute ambientaliste ha detto...

SONO CERTA CHE LA GIUNTA COMUNALE ED IN PARTICOLARE GLI ASSESSORI COMPETENTI TROVERANNO LE SOLUZIONI MIGLIORI E LE FORME IDONEE DI CONCERTAZIONE CON I GESTORI PER EVITARE IL PROPORSI DI SITUAZIONI NEGATIVE PER IL TERRITORIO E LA COMUNITA’ MAJANESE.
NON FASCIAMOCI LA TESTA PRIMA DI AFFRONTARE IL PROBLEMA E RESTIAMO FIDUCIOSI IN UN ROSEO FUTURO DI MAJANO.
L’OTTIMISMO E’ IL PROFUMO DELLA VITA!!!
PER QUANTO CONCERNE LE ILLAZIONI E LE OFFESE NON ENTRO NEANCHE IN MERITO!!!

Christian Romanini ha detto...

Mariute sbasse chês letaris! Orpo!
E po ten presint che il plan lu fâs bon il Consei e no dome i assessôrs competens...
L'otimisim al è il profum de vite? Al sarà, ma nol baste...

thermonuke ha detto...

Parce continuitu a rispuindi!

O volevi save, oltre ai doi pai, mi par un Vodafone e un Tim, sono gia in prevision altris par domandis già pervignudis dai gestors?

Isal un studi o une stime di massime che podi proviodi il futur numar di installazions, (cros altris gestors, gnovis instlazions par divierse distribuzion di celles, antenis supplementars dai gestors esistenz par divers servizis qui UMTS etc)?

Mi par di ve sintut che i gjestors, almancut fin cu mo, forse parceche e an cjatat lacunis tai regloaments comunai, in altris comuns si son compuartas cun t'une certe libertat di azion:
Baste cjata un sit privat, paja un bon afit, e meti ju el pal cirint di sta ale largje di arees sensibii...
Ma ancje chi e vin el esemplit contrari, baste cjala el picaron culis antenis sui pai des bandieres sore lis vilutis o el tet dal padigljon principal dal ospedal di udin, antenis parsore e une di front dal parchegjo, e a pos metros di emergjences, e atris arees plui che delicadis.

Si, al sares ancje pensabil di dedica un aree parsore il cuel par meti quatri antenis, il sit dal punto di viste trasmission al e' ideal, forsit non è un biel viodi ma puest an d'è, le strade e je cuasi pronte....(ah...ah...) e piutost che parsore o tal mieç des cjases...
Cussi el comun al podaers incassa alc di concession par meti el carosene te falcjatrice no.

Ten presint une robe, iil plui des voltes j gjestors e perferissin acordasi cui privas parceche e son mancul rognes aministratives, di deliberes etc e no rischùjin a ogni cambio di legjslature di meti in discusion i contrats parceche magari al prosim sindic no j garbe le antene piturade di vert etc.etc.etc...

stefano tuti ha detto...

Mandi Christian, visto che si parla di un qualcosa di interessante e che sembra che il discorso sia incanalato su discussione seria, mi permetto di intervenire per dire la mia, anche in considerazione delle esperienze professionali in riguardo e del fatto che ho parlato della questione Umts con un ricercatore dell’ARPA non molto tempo addietro. Innanzitutto occorre sapere che Gsm e Umts non sono la stessa cosa. Infatti il Gsm funzionerà ancora come rete telefonica cellulare normale anche se vi sono allo studio nuove tecnologie dual mode che dovrebbero permettere l’utilizzo del telefono in modo Umts dove ci sarà la copertura (area urbana, industriale, ecc.) e in modo Gsm altrove. Inoltre, c’è la possibilità del "co-site" di più operatori sulla stessa antenna, infatti alcune aziende stanno proponendo un'unica antenna multioperatore. In tal modo ogni radio base potrà ospitare più operatori con conseguente diminuzione delle antenne, si spera. Sembra che Gsm e Umts siano destinati a coesistere ancora per 15 anni. Passando all’impatto, le perplessità sugli apparati Umts restano lecite, ma non perché sia dimostrata la pericolosità, il problema è che non si sa bene se facciano male o meno perché non si è ancora in grado di dirlo con certezza, essendo la tecnologia “nuova”. Occorre precisare che l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) non ha mai affermato che gli impianti radio che espongono la popolazione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, producono effetti cancerogeni. Piuttosto, sembra che i campi magnetici ELF (ovvero generati da elettrodotti ad alta tensione) sono stati classificati come possibilmente cancerogeni per l'uomo, sulla base degli studi epidemiologici relativi alla leucemia infantile. Tuttavia questa è la classificazione più debole in una scala di tre. Quindi sembra che il rischio per la salute sia molto basso, ma oggi è impossibile averne certezza. L'eventuale pericolo riguarda il tipo di radiazioni, la loro intensità, la frequenza e la durata di esposizione. Ad esempio se in un paese, un centro abitato di piccole dimensioni, probabilmente una o due antenne generano CEM di intensità ridotta, le cui onde non si sovrappongono e i cui effetti non si sommano, non dovrebbero esserci particolari rischi. Peraltro in un luogo come il centro di Roma, è stato recentemente misurato dall'Enea che i CEM risultanti finiscono con l'essere di dieci e a volte cento volte superiori ai limiti di legge quindi, sempre teoricamente, la situazione dovrebbe essere più pericolosa. Molti dicono inoltre che essere sotto un'antenna è meglio che essere di fronte. In paesi più sensibili, come ad esempio Svezia e Danimarca, hanno deciso di bloccare l'installazione delle antenne sulle proprietà pubbliche, finché non sarà certo che sono innocue. In Svezia, il consiglio delle persone che gestiscono l’affitto delle abitazioni ha deciso di non accettare l’installazione di antenne Umts sulle case finchè non sarà provata la pericolosità. In ogni caso senza voler scendere in allarmismi ingiustificati come sopra, credo sia più importante dotarsi di metodi e sistemi di controllo per far rispettare i valori previsti dalla legge e bacchettare chi non li rispetta.

stefano tuti ha detto...

Inoltre per il lavoro della apposita commissione propongo che:

le concessionarie siano invitate ad adottare misure di condivisione delle infrastrutture riducendo al minimo l’impatto ambientale.

la commissione stabilisca in quali casi l’amministrazione comunale possa imporre la co-utenza.

per l'installazione proporre aree a libera installazione solamente presso aree destinate all’attività agricola e quelle destinate all’attività industriale-artigianale ubicate in zona propria con alcune limitazioni nel caso di vicinza con zone sensibili. Nel caso in cui il sito prescelto si trovi in prossimità di zone abitate o di aree che prevedono presenza di persone con densità superiore a quella tipica delle aree agricole si dovrà aver cura di non pregiudicare la qualità della vita adottando impianti le cui emissioni siano dirette in direzione opposta o comunque diversa rispetto a quelle in cui vi è presenza continuativa di persone.

thermonuke ha detto...

Stiefin
Posto che mi par che t'un sas avonde, mi par di capi che les antenis gsm esistent e son vonde potentis e e supuartin un nr di linies suficient pal numar di abonas di Majan.
Mi somee che el numar di antenis al dipendi in part de morfologje dal teritori e in part di un limit di linies che ogni antene e po tigni su contemporaneamentri just?
Qual isal cirche chest limit.
E isal mior un antenon c'al cuvierc 20 km cuardis par 2000 linies o 20 antenis di un km cuadri par 100 linies.
No sint t'une citat no vin necesitat di arees diferenziades di cpoerture (in pace san jacum e po telefona plui int che a felet).

Pero le me ingorance mi par di ricuardami che le potence de onde radio e diminuis porporzionalmentri al cuadrat de distance. quindi un antenon al devi ve un bon numar di watt?
Speghitu? Grasie

vescul ha detto...

Stefano, ho ai let su un gjornal che e an fat une ret WiFi par ducj i studens, cumo no mi visi e a Bologne o dulà, in tune aree una vore lagje. A lere scrit che il sisteme al funzionave ben e tu giravis in internet une buine velocitat. Atris notizies e disin ancje che cun tune antene WiFi tu cuviergis une vaste quantitat di Km. Indi per cui telefonie a scroc cun Skype (baste ve un palmar) e bases radiasions.
Ce pensistu o satu di ches sisteme di ret?
Isal pusibil rindilu pubblic cence la a intacca le lec?
Ce "radiasions" podino ve?
Mandi

stefano tuti ha detto...

Per Thermonuke, non sono un guru della materia e comunque non sono un tecnico del settore “cellulari”, semplicemente, essendone abilitato, mi occupo anche di consulenze ambientali, sempre che me le chiedono, per cui ne so qualcosa anche di inquinamento elettromagnetico. La distanza tra le SRB (o les antenes) dipende dal numero di utenze e dalla attenuazione del segnale radio. Ecco perché, in città, dove hai un numero elevato di utenze e gli edifici sono più fitti avrai una distanza minore. L’inverso se ti sposti più in campagna, ecco spiegato il perché del numero e delle dimensioni della SRB. Il, chiamiamolo, raggio di azione della SRB è la cella. Le dimensioni delle celle variano da 200 m a diversi km e questo dipende dalle dimensioni e caratteristiche dell’antenna e del luogo ove è ubicata. L’intensità dei campi radio cresce al diminuire della dimensione delle celle e varia la qualità di trasmissione. Il sistema Gsm utilizza al massimo 40 frequenze per ogni cella. Per ciascuna frequenza si possono fare contemporaneamente 8 chiamate quindi 320 conversazioni contemporaneamente. Sulla situazione di Majano onestamente ne so ancora poco, anche perché, essendo stato fuori regione, non sono potuto andare alla commissione della settimana scorsa. Mi informerò di più. Oltre a questo, non vorrei entrare troppo nel tecnico rischierei di andare fuori argomento e forse ne saprei di meno per cui, mi limito a dare alcune “pillole”. Spero di averti dato info di più oltre a quello che sicuramente già sai.
Per Vescul le reti WiFi hanno lo stesso impatto dell’Umts, forse meno, il loro impatto ovviamente è ancora allo studio ma a quanto ne so, l’unico effetto che provoca, come per i cellulari, è un innalzamento della temperatura dei tessuti se ci stai vicino (in fondo si tratta di microonde). La rete WiFi esiste anhe all’univ. di ud. Per Skype devo dirti che io usavo in passato già Roger Wilco e Teamspeak che funzionano più o meno con lo stesso principio, in effetti c’è stato un periodo in cui sembrava fossero messi al bando perché telefonavi negli altri continenti praticamente spendendo come una telefonata locale, poi non ne ho saputo più nulla. Comunque Skype lo usano e per chi deve chiamare spesso all’estero è molto utile.