30 novembre 2007

Sant Andree, il purcit su la bree

AI 30 DI NOVEMBAR

Ogni cuâl trat mi capite di fermâmi a fâ cuatri cjacaris cun chei che a àn viodudis cori plui stagjons di me e dispès lis contis che a legrin chescj incuintris a tachin cu la classiche formule "Mi visi che…". Un panin cul salam al ufrì la ocasion par tornâ cul ricuart a etis aromai lontanis, une vore duris ma ancje bielis par chel che lis à vivudis, forsit parcè che leadis cetant a un periodi de vite cuant che il jessi gaiarins al prevaleve ancjemò su lis preocupazions che in curt a varessin vût il sorevint.

"In campagne, cuant che l'unvier al clucive sot di une coltre penze di nêf, pocjis a jerin lis ocasions di fâ fieste.
La vuere e jere finide di pôc, ma la bataie cuotidiane par sbarcjâ il lunari no veve voie di cognossi nissun armistizi.
Une des pocjis ecezions si presentave tor dai ultins dîs di novembar.
In particolâr la tradizion contadine e fissave pal trente, un di chei apontaments plui bramâts di dut l'an e su la bocje al coreve cun suturne sacralitât il sproc "Sant Andree, il purcit su le bree!".
Tant che ogni so predecessôr, dut câs, il protagonist de zornade di chel an al spietave cence savê il so destin tal piçul cjôt insom dal curtîl. Anzit, vadì che si visave cun tant agrât di chê buinore cuant che un contadin si veve sistemât il cjapiel e cuntune vosone al veve confermât "O cjol chel!", contentant il frut che lu compagnave e che pie no pie al rivave sore dal sierai li che une scrove e tignive a ments la sô fiolance colôr di rose.
Di chel dì indevant al jere stât tirât sù cun dutis lis graciis, figotât e sossolât. In curt al varès scuviert il parcè di tante atenzion.
Forsit al veve tacât a nasâ puce di stiç di cuant che par doi dîs lu vevi tignût a dizun.
Chei vogluts neris mi fissavin cun fâ interogatîf intant che o sieravi la puartele dal cjôt. Aromai al jere scûr e il frêt, che al becave, al prometeve un altri regâl cjandit, dopo des sblancjadis dai dîs passâts. Il cîl al mantignì lis promessis dopo cene, cuant che o cjalavi de mê cjamarute chei cuatri mûrs che a clucivin pe ultime gnot chel ospit toful di chel an. E intant che il mulin dal cîl al tacave a masanâ gjenerôs flocs cjandits, o sintì za in chê volte une grande nostalgjie.
I glons des cjampanis mi derin la buine gnot e mi indurmidii sintint i miei ducj cjapâts tal finî i ultins preparatîfs par l'indoman.
Come simpri la cjase e jevà une vore adore. Il businôr de cusine, propit sot de mê cjamarute, cun dolcece mi tirà fûr de val dai insiums.
O cognossei clare la vôs dal vieri purcitâr dal paîs che, cu la solite baldance di chei che a àn une considerazion masse grande de lôr part, al jere par preparâ i siei fiers dal mistîr.
Une curiositât sadiche mi tirà fûr des coltris e, cence volê fâmi viodi, mi fasei fûr cirint di vualmâ lis lamis che a lusivin ordenadis cuntune cure scuasit chirurgjiche su la taule de cusine. Intant che o rimiravi chel glaçât e signestri campionari di art purcitarie, un "Bundì!" al segnalâ che il gno tentatîf di no jessi scuviert al jere falît e ancje par me al jere rivât il moment di cjapâ part al rituâl.
Cence grant entusiasim o cjapai l'invît a preparâmi. Cuant che o foi vistût, o lei jù pe gulizion. No vei il timp di gjoldimi la scudielone di lat, che za mi cjatai te nêf fin tai zenoi dut cjapât tal me compit: tignî la cuarde che in curt e varès menât, cence tante creance, il purcit viers la sô "fieste".
Che semplice incarghe mi semeà di fondamentâl impuartance, dât che o jeri il vuardian dal unic imprest che al varès permetût di tacâ la "cerimonie".
Cence visâmi plui de maluserie dai miei insiums, o stavi braurôs e dret tant che un pichet denant dal cjôt in spiete di consegnâ al vieri purcitât, al pai e a so fradi la gruesse soie.
Ogni braure e svant si sdrumarin cuant che o sintii il rugnâ dal grant nemâl. O cirii di fâ une timide resistence intal moment che o scugnii consegnâ la cuarde ai grancj, ma lis mês manutis fredis a molarin prest denant de fuarce dal barbe.
O restai glaçât te nêf, che cence remission e continuave a vignî jù.
O varès volût scjampâ a pene che il trement berghelâ de bestie al sbregà l'aiar, ma o restai di clap, fermât di un assurt sens dal dovê che mi impedive di bandonâ il lûc des operazions.
Di bot al fo un cidinôr che mi insuspietì.
Cuant che o viodei jessi dal cjôt i miei a mans scjassant e blestemant come pocjis voltis ju vevi sintûts, o sintii une strane gjonde. Jo, la mame e la agne o lerin dongje a chei oms e, viodût chei segns che a vevin intor, no mi coventà scoltâ lis spiegazions di gno pari par capî che no jerin rivâts adore te lôr intenzion e il purcit sflacjôs al veve resistût cun fuarce a chel tentatîf di menâlu al creatôr.
I trê si netarin di corse e intant che i doi fradis a faserin viodi di vê cualchi dubi tal tornâ a frontâ subit la bestie che seont lôr e veve mostrade une fuarce sore nature, il vieri purcitâr, ferît plui tal orgoi che tal fisic, al le dret tal lûc dal duel.
"A cost di strissinâlu di bessôl, cumò lu sistemi jo!".
Al fruçâ il cjapiel sul cjâf, al sparì tal scûr dal cjôt, lassantnus dongje de cjalderie, li che di timp e jere daûr a bulî la aghe.
La lote e continuà par cetancj minûts jenfri blestemis e rugnadis, fintremai che di gnûf al tornà il cidinôr dentri chei cuatri mûrs.
Di bot une sagome e jessì de puartele dal cjôt, lant tal mieç dal curtîl.
Si fermà a pôcs metris di nô cul cjapiel butât un tic a drete e il voli braurôs di cui che intun bot al jere rivât adore a svindicâ cetantis gjenerazions suinis.
Al rugnâ sodisfat, scjadenant il bonspirt dai presints.
Purtrop par lui e fo une glorie efimare, che e scugnî rassegnâsi a niçulâ jù dai luncs raclis di faiâr ben in rie tal camarin di cjase mê.
Se mi visi ben, no crôt che il vieri purcitâr al sedi plui jentrât intun cjôt cence la juste assistence."

Chel panin cul salam al veve un gust diviers dal solit…

4 commenti:

Christian Romanini ha detto...

Us ise plasude cheste conte che o ai scrit?
Intant che mi rispuindês, o aprofiti par fâ i auguris a ILfurlanist e a ducj chei che si clamin Dree

ninine ha detto...

Christian, le conte e je biele ma le foto!!!!!! =(
Mi fasin masse dul ches besteutis a lì, ancje se a cjase me and'è ogni an doi gnufs...
Ma sastu che cuant che o jeri piçule o jevavi apueste adore adore e o metevi simpri le radio a manete par no sintilu!

robin hood ha detto...

Che sei le volte buine dal President de province?

Christian Romanini ha detto...

Giunta azzerata, Strassoldo resta solo

L’addio di Fi, di Caroli e D’Andrea: dimissioni serene, senza colpe e senza rimorso

CRISI PROVINCIA 66º GIORNO

Cargnelutti: siamo stati sempre responsabili E già si pensa alla campagna elettorale 2008

In mattinata il faccia a faccia col presidente che ribadisce: resto e voglio rilanciare la Cdl




di DOMENICO PECILE

Dopo 66 giorni il presidente Strassoldo rimane solo. Ieri, infatti, anche Fi ha annunciato le dimissioni dei propri assessori. Hanno lasciato anche Caroli (Udc) e D’Andrea (Lega) in rotta di collisone coi partiti di appartenenza. Strassoldo però resiste. Non si dimette. E spiana così la strada al commissario.
«Dimissioni serene, senza colpe, senza rimorsi». Dimissioni «sofferte», date anche con «tanta rabbia altrettanta amarezza», punteggiate da qualche vena polemica – per chi se n’è andato anzitempo, dimenticando che sulla Provincia incombeva il richiamo della Corte dei conti e la necessità di chiudere entro il 30 novembre le variazioni di Bilancio – e da molta commozione e qualche lacrima. Gli assessori hanno incontrato successivamente i dipendenti dei rispettivi referati: incontri conviviali, abbracci a ancora qualche lacrima «dopo anni di proficua collaborazione con pesonale di altissimo livello».
«Siamo rimasti per altri 4 giorni – conferma il vice presidente, Paride Cargnelutti – per senso di responsabilità nei confronti dei cittadini e dell’amministrazione», la responsabilità necessaria per «la messa in sicurezza del bilancio e ottemperare ai rilievi della Corte dei Conti in materia di personale, mutui e patto di stabilita». Fi ricorda che l’esperienza del centro destra a palazzo Belgrado è stata positiva e non andrà smarrita.
Fi, e con loro Caroli e D’Andrea, c’ha provato fino alla fine a convincere Strassoldo a fare un passo indietro, a dimettersi sua sponte per evitare il commissariamento, da tutti ritenuto una sciagura che lascerà una scia pesante di danni. Ma non c’è stata altra scelta se non la remissione del mandato. Strassoldo resiste. E addirittura rilancia per una nuova esprienza a palazzo Belgrado con la Cdl. «C’è amarezza - aggiunge il capogruppo Piero Mauro Zanin – ma presentiamo serenamente le dimissioni sperando che la settimana che presumibilmente ci separa dal voto in aula sulla mozione di sfiducia faccia ragionare tutti».
Più polemico l’intervento di Strazzolini secondo è vero che le dimissioni date in quel modo dopo la riunione di giunta dimostra grande senso di responsabilità, ma è anche certo che «la responsabilità per i fatti degli ultimi mesi hanno nomi e cognomi ben precisi che non sono i nostri». Insomma, Forza Italia si dice certe che presto a tardi la verità vera verrò fuori, «perché quello che è accaduto in Provincia probabilmente è stato deciso altrove». Teoria del complotto? No!, assicurano in coro, semplicemente la consapevolezza di troppe coincidenze, di altrettante interferenze politiche quasi che la Provincia fosse diventata merce sacrificale per l’altare dell’election day della prossima primavera.
Per il gruppo forzista è comunque già campagna elettorale. Nessuno diserterà piazza e cittadini. «Non ci dimettiamo da consiglieri e non abbandoniamo il nostro ruolo politico» è la promessa.