19 novembre 2007

Disasi dai zovins

E à tignût banc tai ultins dîs une cuestion che secont di me e à cualchi veretât e cualchi strumentalizazion.
E je vere che a son ciertis situazions che a van tignudis sot voli: baste dome lei i fats di cronache sucedûts a Maian tal ultin an... nancje chi o sin plui intune realtât bucoliche: ma lu sino mai stâts? Situazions dificilis a son simpri stadis.
Chest al è avonde lapalissian e se si reste sul gjenerâl al è facil dî robis scontadis e colâ te retoriche.
Ma se si va tal particolâr al è ancje il risi di pescjâ une "buiace" se no si dâ argomentazions particolârs e precisis. Duncje il mert di cui che al à stiçade la cuestion al è chel di vê dât la ocasion di fevelâ di un aspiet de nestre societât; la pecje e sta tal vê trat cussì, avonde malut, forsit parcè che al jere nervôs: magari la dì dopo no le varès frontade ta chê maniere.
Jo o pensi che cualchi volte si esagjere tal volê meti une "cjampane di veri" sui zovins: si fevele di "disasi dai zovins" che no san dulà lâ. Secont me nol è il "puest" che al risolf il probleme, ma a son i rapuarts che a àn di nassi tra di lôr. ASD Majanese (comprindût il grup di zovins che no son dome une scuadre, ma ancje un grup di amîs), ma ancje Libertas, ma ancje dutis lis altris associazions (ancje la Pro Maian, ma ancje lis realtâts plui piçulis) a son daûr a fâ un lavoron ecezionâl che probabilmentri nancje il comun al rivarès a fâ bessôl cui centris di agregazion e altris iniziativis similârs propit parcè che intune associazion e je une struture e un sisteme di rapuarts che al garantìs i iscrits. Nol è un câs che i "centris di agregazions" o "centris sociâi" che a funzionin di plui ancje a Maian e frazions a son in man a Associazions o comitâts une vore atîfs: duncje, come che o disevi, nol è un puest che al risolf il probleme, ma lis personis che lu fasin funzionâ.
Ma il discors al è pardabon masse dificil di risolvi in pocjis riis, e o speri che la discussion che e ven no vedi di ridusisi a un "gjalinâr di barufis". Par plasê.

6 commenti:

Christian Romanini ha detto...

Evitìn di insultâsi, mi racomandi!

forestpark ha detto...

Stant le me pigrissie e el fat che i riten el me post su "ring" di caratar general, su ripropon achi:

"Evidentementri e sin in tun clima di "caccia alle streghe", e dopo ve ribadit che tes giovanii dal majan e ai cjatat dai alenadors e accompagnadors di bon livell sia come persones che sul campo, i varess voe di sottolinea' che el bevi purtropp al e'le cjarte tornasole di un problema plui profont, el cosidett disagio giovanil.
Nol e' pontant dees, proibint le vendite di alcolics dopo une certe ore, o metint dai coprifuocos che si risolv. No stin a fa une battaglie "sintomatiche", par dopra' un termin de medisine.
Ise le onde lungje de disgregazion dal mont contadin e dal avent dal gnove socjetat basade sul sodisfaciment dai plases? Mi vegnin tal cjaf doi libris, "Brave new World" di Huxley e "Scritti corsari" di PPP. L'ultim al e' une analisi lucide, a me viodi, dal pussibil destin di une socjetat post-agricule.

Mandi"

Jaio ha detto...

Orpo, jó ch'o volevi barufâmi, no cjati plui nuje da dî:-)

bempo o resti ha detto...

Se qualchi gjovin al tire fur un problema si viot che lu viot. Naturalmentri a so mut, come che ognun di no al viot le realtàt: a so mut. Se un gjovin lu dis, al ul di c'al crot in alc, magari al pues sbaglià l'approccio (in furlan cemut si disial, C.R.?) Atris magari e van indenant come che si è simpri fat, lassant el status quo, o magari par paraculismo o par convenience, qualunquismo, cence fassi domandes, così è e così sempre sarà. O stin smenteant l'Idealismo...

bunbun ha detto...

Secondo me bisogna scindere due argomenti:
1 Lo sport
2 Il bere

E' inutile fare di tutto un'erba un fascio.

Lo sport, da quando ha preso la presidenza Gardo, ha dato una svolta in positivo sia nell'ambito organizzativo e sia nel tener unito il gruppo sportivo.
Tutti coloro che collaborano con Gardo hanno la mia stima per il loro lavoro a prescindere dall'opinone sulla persona (Persel non ho un buon feeling con te ma apprezzo il lavoro che stai facendo con i giovani).

Poi c'è il bere.
Non trovo problemi se un giovane dopo un allenamento vuole stare in compagnia dei suoi amici a bere una birra.
Non vedo problemi se "occasionalmente" si possa eccedere nel bere.
L'ho fatto anch'io eppure sono qui, ho famiglia ogni tanto bevo la mia birra o tai e non mi sento un alcolista e nessuno mi da dell'alcolista!
I fattori rilevanti sono la frequenza e il modo di comportasi in quelle situazioni.
Il periodo della giovetù è il periodo di "prova", provare questo provare quello perchè non si ha l'esperienza. Se non si ha l'esperienza non si realizza cos'è il giusto e cos'è il sbagliato.
Non è il compito di un allenatore di calcio (o qualsiasi altro sport) a indicare la strada giusta, può aiutare ma non si può pretendere che prenda il posto dei genitori!
Sono loro che devono aiutare un giovane a fare un'esperienza senza farlo cadere nell'alcolismo.
Quando ero giovane io e arrivavo a casa un po' brillo mi aspettavano in piedi e mi facevano passare tutta la sbornia con 4 sberle.... poi agganciavo che: ubriaco = 4 sberle. Sicuramente non condivido il modo ma mi davano un motivo per non bere! Ora prendi un giovane e portiamolo al centro crisi a San Daniele per un pomeriggio vedere cosa vuol dire "alcolismo". Vedi come si fa l'"esperienza" magari continua a bere una birra ma certo non si "devasta".

In conclusione, il calcio non vuole dire "bere" vuol dire aggregazione di giovani (o meno giovani).
Nel bar vanno tutti sia chi fa sport sia chi non lo fa!!!

Christian Romanini ha detto...

brâf bunbun: ben dite!