17 novembre 2007

Gnot di amôr



Îr o ai stât a cjatâ Sdrindule, che o saludi e o ringrazii pe simpatie e pe disponibilitât.
O ai comprât il Cd cu lis sôs cjançons e lui mi à regalât il test di chê sô plui biele, chê che e restarà come "Stelutis alpinis":

Gnot di amôr
peraulis e musiche di Sdrindule

Gnot e dì
jo ti viôt chi cun me,
ma ce frêt di bessôl chi tal jet:
jo o crodevi di vêti par me dute la vite.
O vevi un agnul poiât chi sul cûr
mi diseve “cun te o soi sigûr",
"tenmi strete plui strete, di amôr o mûr”.

Tu la sole, la prime, l'amôr,
o ai passât masse timp di bessôl,
jo ti cjali tai voi e o capìs no tu puedis lassâmi.
Une gnot che no conte par te,
une vite che e va vie cun te,
e tu agnul dal gno Paradîs cence di me.

E tu vâs vie cence dîmi nuie,
al reste il cjalt dal to cuarp
ta chel jet, jo no ai plui nuie:
jo ti prei, Signôr, jude il gno dolôr.

O vevin scrit su chel arbul tal viâl
“jo e te” cuntun segn sul cûr.
O vevin dit une dì “O tornarìn, o sarìn insieme”.
Sì chel segn lu veve il gno cûr
e chel viâl al fâs pôre, al è scûr,
nancje il cjant di un amôr che al dîs “Jo o mûr”.

E tu vâs vie cence dîmi nuie,
ilusion di un moment, di une gnot, di une bausie...
jo le spieti ca, ma no tornarà.

note:
la version trascrite e rispiete lis regulis gramaticâls de lenghe furlane, po dopo, come che al sucêt tal fevelât ciertis elisions a son naturâls e duncje no stait a bruntulâmi se ce che al è scrit no lu sintîs tal cjantât.
O ringrazii Sdrindule che mi à dât il permès di meti la cjançon in rêt: un regâl pai furlans di dut il mont!
Cui che al volès comprâ il Cd al pues lâ a cjatâlu a cjase a Pagnà in "via della motta, 5/c", ma se lu visais par telefon, us spieghe cemût rivâ:
Sdrindule 0432/661325
o mandâ une mail a:
dipetardo@libero.it

11 commenti:

persel ha detto...

no ai peraules, grasie x rapiditaat, sior romanin

Christian Romanini ha detto...

di nuie e soredut grazie a Sdrindule: cumò come minimo o vês di cjoli il Cd! :-)

E viôt che us controli: se o sint a cjantâ un strombolot, us bacheti! ;-)

Mandi e buine cjantade!

scjepule ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ninine ha detto...

Che chi e je une des plui bielis cjançons furlanis che jo o cognoss...grazie a Christian pe segnalazion e soredut par il test che al merite di sedi cjantat come che si devi e grazie a Sdrindule che fint di cuant che o jeri piçule mi compagne cun le so musiche e cun le so simpatie; lu ai cjatat cheste estat a Vissandon e al è stat un grant parce che al a fat ridi e sta ben une persone che a mi mi è masse cjare, duncje ancjemò: GRAZIE SDRINDULE!!

Jaio ha detto...

Jo no cjali as regulis. Cuant che un al fâs une cjançon al a il dirit di cjapâ une licenze poetiche e di fâ come ch'a i pâr.
Il Sdrindule al mi somee ansit ch'al podarès cjapâ plui libertât. In ogni mût al fâs plasê di savê che un cul furlan studiât al puedi vê un plasê come duç a lassâsi cjapâ da une melodie gjenuine e fâle cognossi a di chei âltris.

Christian Romanini ha detto...

Jaio, ce vuelistu dî "un cul furlan studiât"? No sarà migo une colpe savê lei e scrivi?

Jaio ha detto...

No. O vuei dî che ancje un miedi al puès cjapâ gust a bevi un tai zence tignî cont des regulis medicinâls, enologjichis o ce sao jo...:-)

maxpola ha detto...

Grasie Christian! No tu sas tropes voltes che ai cirut il test ator pe ret!
La prime volte che ai sintut cheste cjanson al è stat a Cumierc, cuant che si organizave la Otave sul cuel e cuant che Sdrindule al iemplave il tendon di int (tant che si finive la luanie già as 8 di sere :))!

Christian Romanini ha detto...

Mandi Maxpola!
cuant passistu par Maian? fasiti vîf! :)

Francesco Giancane ha detto...

Ho ascoltato questa canzone ieri a Udine, al Vecchio Stallo, cantata così, su due piedi, da una comitiva di signori discreti e tranquilli. E' una canzone meravigliosa: ne sono rimasto colpito subito. Mi piacerebbe avere una maggiore familiarità con la lingua nella quale è stata composta, per apprezzarne più a fondo la bellezza. Ma la poesia, si sa, supera i confini della traducibilità. E così Gnot d'Amo^r è riuscita a commuovere anche me.
Complimenti.

Francesco (Lecce)

Christian Romanini ha detto...

Mandi Francesco e grazie par jessi passât par ca!