23 giugno 2006

Rassegne stampe: GAZZETTINO


Chest al è l'articul di vuê sul Gazzettino.
Pe precision us met in sintesi ancje il confront tra la mozion di CENSURE che e veve presentât la sinistre e invezit la MOZION che o vin fat par evitâ che il Sindic al cjapàs une legnade di chês fuartis.
Come che o disevi, Intesa per Majano, incavolâts come une ruie (ma cuntun tic di reson), e veve proponût une prime version che e proviodeve la CENSURA al Sindic: une posizion pardabon critiche e che ancje secont me e jere masse.
Alore par cirî di no fâ deventâ un câs di stât chest episodi, jo o ai proponût che chel test al fos ritirât e che il dut si trasformàs intun "INVITO AL SINDACO E ALLA GIUNTA A CONTATTARE LA CONFERENZA DEI CAPIGRUPPO PER DECIDERE DI INIZIATIVE POLITICHE". (il test complet al è public e si pues domandâ il verbâl in municipi se no mi crodês)
E mi pâr che a sedi une biele diference tra une "censure" e "un invît a visâ la conference", o no?
Ciert, la sinistre e disarà che il sindic al è stât lassât bessôl, ma no stin a dismenteâsi che invezit e je la sinistre che e à ritirât il test e e à votât la version che ur vin proponût noaltris. Se o vessin volût abandonâ il Sindic, no lu varessìn difindût. (e cheste precisazion e je fate in particolâr par chei che a van a meti ator - a Udin - versions falsis disint che il sotscrit al è trist e le à cul sindic!)

9 commenti:

cuso_di_cjan ha detto...

Sta tent a tirà fur lujanies cu le censure, par ce che tu varessis di savè ce che a ul dì, tu che tu le as fate tai confronts dal sindic a so timp.

mariute ambientaliste ha detto...

E' PROPRIO VERO!!!
E POI VIENI A DARE A ME LEZIONI DI CORRETTEZZA E DI RISPETTO!!!

Christian Romanini ha detto...

di fat propit parcè che o sai ce che al vûl di censure, come che e jere intidude in consei, o ai cirût di fâ ritirâ la mozion de minorance. e o soi rivât a fâle ritirâ sparagnant no dome al sindic ma a dut il consei un biele legnade. po sul gjornâl al pues vignî fûr ce che si à voie, ma tal verbâl e je la uniche e vere version.
pal episodi che tu tiris fûr tu, o podìn stâ a contâle tant che o vin voie, ma par me l'episodi al è sierât: jo o soi trancuil che come diretor responsabil di un gjornâl istituzionâl, chest nol podeve jessi doprât in maniere faziose e al coventâve evitâ ciertis declarazions (che o ai domandât al sindic di gjavâ). la int e veve la ocasion di dimostrâmi ce che e pensave e lu à fat tornant a metimi in consei cuntun risultât che al dâ la misure di cemût che mi soi compurtât. jo o colabori di timp cun redazions gjornalistichis e o ai viodût plui di cualchi volte intervignî il responsabil de pagjine suntun articul di un o di chel altri. ma chel che al à fat l'articul al acete simpri la supervision dal responsabil, ancje se adiriture al ven metût un titul che nol sodisfe il redator: e nol menace disint "tu fai così perchè lo dico io". duncje cun chest no tornarai plui su la cuestion ancje parcè che mi pâr che l'unic che al à paiât par vê fat il gno dovê al è chel che al scrîf. o speri di jessi stât avonde clâr. e se no soi stât clâr o domandi scuse (ancje a la siore Mariute)

Christian Romanini ha detto...

Jo no soi un espert, ma mi soi informât e o ai cjatât cheste opinion di personis che indi san plui di me
SI VOTE Sì PARCè:
1) Non è vero che la riforma faccia scempio della Costituzione: i principi fondamentali e i diritti di libertà contenuti nella prima parte non vengono toccati, perché la riforma modifica la seconda parte della Costituzione, che riguarda il funzionamento degli organi statali e regionali. Peraltro se vincessero i no non torneremmo alla Costituzione del 1948 ma a quella del 2001, modificata dal "federalismo" della sinistra, che ha creato tanti contenziosi tra Regioni e Stato e dunque sprechi di tempo e denaro.

2) È falso che la riforma porti alla "dittatura del premier". L'indicazione del suo nome sulla scheda elettorale, il potere di nomina e revoca dei ministri, la facoltà di chiedere lo scioglimento della Camera, erano previsti nella bozza di riforma della commissione D'Alema del 1998. Sono gli stessi poteri che hanno sindaci, presidenti di provincia e di regione, servono per garantire stabilità di governo e tutelano il diritto dei cittadini di scegliere un primo ministro, un governo, un programma, garantendo questo diritto con le norme antiribaltone.

3) La riforma non mette in pericolo l'unità nazionale ma al contrario la rafforza, perché: a) introduce il concetto di interesse nazionale e dà al governo il potere di bloccare le leggi regionali che danneggino l'interesse collettivo; b) distingue con chiarezza le materie di competenza statale e quelle di competenza regionale, riportando allo Stato la competenza su tredici importanti materie (prime fra tutte energia e infrastrutture) e perfezionando il meccanismo di devoluzione alle Regioni.

4) Non avremo venti sanità regionali perché le Regioni faranno leggi sull'organizzazione ospedaliera e sanitaria per una gestione più attenta alle esigenze locali ma rimane allo Stato il compito di garantire i livelli essenziali di assistenza. Allo stesso modo le Regioni avranno competenza sull'organizzazione delle scuole e sulla formazione professionale ma i programmi di studio restano nazionali, integrati da moduli di insegnamento regionali, per preservare le tradizioni delle singole regioni.

5) Sarebbe meglio fare le riforme costituzionali con l'accordo di tutti: peccato che nel 2001 la sinistra per prima riformò la Costituzione da sola. Inoltre "dimenticano" che la Costituzione stessa prevede un procedimento di modifica a maggioranza e di conseguenza un referendum confermativo come giudizio ultimo affidato al popolo.

Dunque il 25 e 26 giugno vota e fai votare Sì per dire no alle falsità della sinistra e per confermare una buona riforma, che divide con chiarezza i compiti di Stato e Regioni e che velocizza e razionalizza la procedura per fare le leggi. Votare Sì salva una riforma che garantisce più potere ai cittadini, istituzioni più efficienti e che riduce di 175 il numero dei parlamentari, misura simbolo di uno Stato meno costoso e più produttivo."

Christian Romanini ha detto...

Dopo ce che al è sucedût lunis, jo no mi platarès daûr la figure di "costituzionalisti": fevelìn clâr e disìn che cheste votazion e à un caratar une vore politic, cussì politic che la sinistre e va cuintri ce che la stesse comission D'Alema e veve proponût tal 1998 (va a viodi il pont n.2 chi parsore). Chest dome parcè che la sinistre no je rivade a fâ la riforme, Berlusconi invezit sì. SI VOTE Sì

mariute ambientaliste ha detto...

...SICCOME POTRESTI ESSERE MIO FIGLIO, PER MOTIVI DI ETA' CHIARAMENTE,
TI PORGO COMUNQUE UN ABBRACCIO MATERNO!
MA RESTO ANCH'IO DELLE MIE IDEE SULLE MODALITA' DI RAPPORTI CON L'OPPOSIZIONE.
AMMETTO CHE FORSE LE HO ESPRESSE CON TROPPO FERVORE.

Christian Romanini ha detto...

e jo o rinovi lis scusis se o soi stât passe iruent.
dut al è nassût di un frantindiment: spes al capite che cualchidun al alimente la confusion e al semeave chest câs: il fat che ancje altris prime di me a vessin fatis ciertis considerazions al vûl dî che il dubi al podeve nassi. Jo no ai mai crodût che ti fossis Mariella, e lu ai simpri dite fin di subit. par dî la veretât o soi content che si sin scjaldâts, cussì almancul o vin sclarît.
O resti dal gno parê però sui rapuarts cu la oposizion: no pensi che o sedin stât masse bogns. O pensi che jo e stefano o vin cirût la soluzion de condivision. o vin il vantaç dai numars e o podaressin ancje freâsi, ma chest a cui zovial? al intristìs il clime e vonde: çampe o drete, o pensi che l'interès al sedi il ben dal paîs e se i problemis si rive a frontâju cun serenitât dialogant cu la minorance (ognidun tal rispet des rispetivis posizions) al sedi miôr par ducj, o no? Chest nol vûl dî abdicâ al nestri rûl di maiorance e socombi

Anonimo ha detto...

Mariute e a carenses di democrasie

Anonimo ha detto...

a mi cheste Mariute a mi sta propite sulis balis!!!
Ma la Unfer a no va tant lontan!