13 aprile 2009

Pascute motare


Visualizzazione ingrandita della mappa

Vuê, anticipant il consei di exanba, o vevin programât di fâ Pascute e invezit di lâ a fâ cori i ûfs pai prats, jo e la Ninine o sin lâts a fâ une corse in moto. Destinazion: Lesis, frazion di Claut, un paradîs tal mieçs des Dolomitis furlanis (chi o podês viodi l'itinerari che o vin fat).
Par rivâ sù o vin fat une polse a Barcis, sul lât, ma nancje di meti cun ce che o vin cjatât un tocut plui in sù: un prât e un riul cuntune aghe clare e frescje di no crodi! O vevi za stât a Claut une volte sole cuant che o jeri frut par une gare di pes (tra l'altri propit li che o vin stât vuê), ma mi sa che o ai di tornâ inmò.
Nuie ce dî: la zornade e je stade splendide cuntun soreli che nus à compagnâts dute la strade (e no dome noaltris, stant che a jerin tantis lis motos ator pes stradis).
E a pene che o ai lis fotos, us fâs viodi ancje cualchi cerce di panorame.

5 commenti:

Giorgio Jannis ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giorgio Jannis ha detto...

Ben fatta :)
Le mie due ruote sono uguali tra loro, sono ruote della mia Vespa anni Sessanta.
Ecco qui il link per il mio giretto di due giorni fa.


ciao
GJ

Christian Romanini ha detto...

Mandi Giorgio
masse biele la Vespa! =) trop sêstu stât a fâ il zîr?

Giorgio Jannis ha detto...

Oh, con la Vespa non può che essere vero slow-driving :)
Son partito alle 14.30, ho vagabondato dentro il Bosco Romagno almeno un'oretta su sterrate, poi dopo Dolegna e Albana ho preso quella strada detta "di Podresca", che già conoscevo, lungo IL Judrio, dietro Castelmonte. Arrivato al bivio per Codromaz, ho girato, perché non ci sono altre strade che portino verso ovest, ma si può solo finire in Slovenia (prossime avventure...).
Mi sono inerpicato su stradine per ancora un'ora, ho lasciato Tribil alle mie spalle, mi son fermato a Stregna per l'ora del tè, solo che io e la mia tipa abbiam preso ovviamente un taglio di rosso e prosciutto. Poi sono sceso con calma per la valle dell'Erbezzo fino a Cividale, ed ero a Udine tipo alle 18.30.
Quattro ore di serenità, aria e sole sulla faccia, brum brum nelle orecchie :)

ninine ha detto...

Fantastic! Specie il tajut e il prossut! =P