07 aprile 2009

Doctor Sandri & Mister Tesini

Ce si disial cuant che un prime al dîs une robe e po dopo a 'nt dîs une altre dal dut contrarie? Che al à cualchi problemut, se no di personalitât, almancul di coerence.
E cussì îr mi à tocjât di lei lis declarazions di Alessandro Tesini (te foto) che, cuant che al jere President dal consei 2 agns indaûr a diseve bielis peraulis pe fieste dai 3 di Avrîl, vuê che nol à plui la vetrine (crisi di astincence mediatiche?) al è dispost a dî dut il contrari: ce che no si fâs par vê un titul sul gjornâl...
Po ben, par furtune no son ducj come lui e ancje Paolo Menis, sabide a la presentazion dal nestri Speciâl dedicât ai erois furlans, e Vincenzo Martines, domenie in place a Buie, (ducj i 2 dal Pd e no de Leghe Nord) a àn spindût peraulis positivis a pro de Fieste de Patrie dal Friûl (sul sît di lengheNet il resocont de manifestazion).
Chestis a àn di jessi ocasions di union e no di strumentalizazion politiche che a puartin dome a dividi (e a indebolî) i Furlans.

3 commenti:

Matieu ha detto...

Brâf Chis tu tu âs centrât il pont!
Fâ polemiche in chestis ocasions no à priopri niussun sens parcè che il
3 di Avrîl è à di jessi la Fieste di ducji i Furlans e no di une part cuintri une altre.

Agns indaûr a cjampe a fasevin a gare a cui che al jere plui a cjampe dant dal fassist a chei che no jerin a vonde fedêi a la linie. E cumò la crevadure da la cjampe taliane le dîs lungje in merit ai efiets di compuartaments dal gjenâr. Ma tu tu âs reson a denunziâ che certs politics no rivin a cjalâ plui lontan dal lôr ort personâl. Forsi al è ancje par chest che a si si lambiche cetant par puartâ a cjase cualchi risultât sul front da la tutele.

Christian Romanini ha detto...

Us segnali ancje un biel intervent dal on. Arnalt Baracêt (ex parlamentâr PCI) e di William Cisilino (president dal istitût ladin furlan "Pre Checo Placerean" vuê sul MV

MARTEDÌ, 07 APRILE 2009

Pagina 14 - Regione

Cisilino e Baracetti: sbagliato farne un caso politico. Domenica sul palco erano rappresentati tutti

Festa del Friuli, autonomisti contro il Pd

Il portavoce degli autonomisti: Tesini ripensi all’importanza dell’evento

UDINE. E’ sbagliato trasformare la festa dei 932 anni del Friuli in polemica politica: «Questa è le festa di tutti i friulani».
«Cosa direbbe pre Checo Placereani – che il 3 aprile del 1977 organizzò la prima Fieste de Patrie dal Friûl – a chi la definisce oggi una manifestazione “leghista”? Certamente ne rimarrebbe indignato, lui che la considerava per quello che è: un appuntamento imprescindibile del Friuli con la sua Storia», spiega William Cisilino, Presidente dell’Istitût Ladin Furlan Pre Checo Placerean (che da vent’anni organizza la Fieste de Patrie). «Per noi la Fieste de Patrie è la festa di tutti i friulani, a prescindere dalle idee politiche, dalla lingua e anche dalla provenienza e ne abbiamo avuto dimostrazione proprio domenica scorsa dov’erano presenti i rappresentanti di entrambi gli schieramenti e, sul palco, il vicesindaco di Udine Vincenzo Martines, del Pd. Ad ulteriore dimostrazione vorrei far notare che le quattro precedenti celebrazioni si sono tenute in Comuni amministrati dal Centrosinistra e che l’anno scorso erano presenti il Presidente della Regione, Riccardo Illy, e il Presidente della Provincia di Pordenone, Alessandro Ciriani, diametralmente opposti come schieramento».
«Cito – conclude Cisilino – quanto detto da Alessandro Tesini due anni fa: “Non c'è contrapposizione con visioni globali e generali in questa ricostruzione storica, nel ricordare in Aquileia romana il patriarcato, una parte bella e importante della storia del popolo friulano dentro i 2000 anni della sua storia complessiva”».
Parole che oggi Tesini forse non ricorda. Secondo Arnaldo Baracetti, portavoce del Comitato per l’Autonomia del Friuli, non si può «sostenere come ha fatto qualche esponente politico (Tesini),che la festa della Patria del Friuli non sarebbe una data significativa da celebrare anche in Consiglio regionale,vuol dire ignorare la storia del Friuli ed i valori cui anche oggi ci si richiama che sono quelli della valorizzazione dell’autogoverno,dell’unità,dell’identità linguistica e culturale dell’intero Friuli e del suo popolo. Accusando la Lega Nord di strumentalizzare la Festa del Friuli a fini elettorali,si mettono in piedi elementi di rottura e di divisione tra i friulani . Su un tema ,invece,che deve unirli . Anche perché alla celebrazione di Buja,oltre che nei diversi Comuni,erano presenti rappresentanti ufficiali di istituzioni ,dalla Regione al Comune di Udine,di diverso colore politico. Vorremmo che,nell’interesse del Friuli e dei friulani tutti ,nella imminente campagna elettorale, le forze politiche friulane sia di centro-sinistra che di centro-destra, non si dividessero nelle solite baruffe politiche,bensì s’impegnassero e gareggiassero perché qui, nelle istituzioni del Friuli,e non altrove, si decidano le sorti ed i progetti da sostenere a Trieste,a Roma od a Bruxelles».

Christian Romanini ha detto...

Ancje il gjornalist Dree Valcic al à comentât chest post: fracait chi.
Grazie a Dree Valcic