08 aprile 2009

Intervent di Dree Valcic

Ve chi une mail che mi è rivade di Dree Valcic, gjornalist dal Gazzettino e che dispès nus da une man ancje su La Patrie.
In realtât al varès vût di jessi un coment a chel di îr, ma mi è someât plui just dedicâ un post dut so, stant la luciditât dal resonament e de autorevolece de firme! Ancjemò grazie al Dree Valcic e buine leture!

Mandi Christian, o ai let ce che tu âs scrit su lis peraulis di Tesini e Travanut par la fieste dal 3 di Avrîl. O jeri a Buie e o soi stât atent a lis presencis e ai discors. O soi sclet: e jere clare la rapresentance de Leghe Nord, ancjetant clare la assence di chei altris partîts, escludude la rapresentativitât istituzionâl di Molinaro e Martines. Cheste la fotografie, po dopo al ven il resonament. Che nol pues no scomençâ dal "effetto Serracchiani", ultime divinitât scuvierte dal Pd che su la sô figure, IMAGJIN, dut il partît al va daûr, contenton di contâ alc a nivel nazionâl e forsit ancje di fâ une europarlamentâr. La Debora, cence nissune tristerie, e rapresente dut il contrari di un partît di çampe cun lidrîs te cuistion furlane, ma chest nol è un probleme gno. Al massim e divente un trâf tal voli di cui che tal pd si proclame almancul un tic autonomist. E Tesini, Travanut and Company no son mai stâts di chê bande. Simpri daûr di Zvech, Maran e dai lôr discors triestins.
Chest a çampe. Viodìn la Leghe: che e sedi stade presinte al è un ben, come il discors di Ballaman in Consei regjonâl. E sarès ben biele se no fos cussì. Cun ce muse podaressino presentâsi ai lôr eletôrs furlans? A son avonde lis sbandadis in cjase “carroccio”, viôt cualchi declarazion dai pordenonês, di Razzini a Monfalcon su la lenghe o il cinidôr di Seganti cuant che si cjacare di Friûl. Sul front di Forza Italia e di An, ma bisugnarès aromai dî dal Pdl, al continue UN ASSORDANTE SILENZIO.
Il plui impuartant segnâl de zornade, al è vignût invezit propit di Fontanini (te foto) che al à dât un assist al vicesindic di Udin che al varès ancjemò di dîi grazie, cuant che lu à invitât a organizâ a Udin la prossime fieste de Patrie, ricognossint a la citât il destin di capitâl dal Friûl.
Ultime robe, no sai se o vês let il comunicât stampe di Valeria Grillo su la manifestazion. O sin al deliri pûr, cun Trieste che e je deventade “città veneta”, e pûr cualchidun al cole e i da credit.
mandi
Dree Valcic

3 commenti:

Christian Romanini ha detto...

E chi il comunicât stampe che al fâs riferiment ancje Dree Valcic tal so intervent

Il comunicât, come ducj chei altris dal Maf, simpri, al è par talian:

LA FESTA DEL FRIULI NON DEVE ESSERE MOTIVO DI SPECLUAZIONI POLITICHE

Sono gravi i tentativi di speculazione politica che in questi giorni si sono scatenati prendendo per pretesto la ricorrenza dell’anniversario della costituzione dello Stato indipendente del Friuli che ha dato una veste istituzionale alla Comunità Friulana. Le forze più responsabili del Friuli, che non si lasciano condizionare dalla preoccupazione di urtare equilibri politici regionali o dal timore di urtare le sensibilità delle burocrazie regionali o di rompere i delicati equilibri su cui si regge una regione artificiale come il Friuli Venezia Giulia, costituita da un territorio compatto nei suoi valori di fondo – il Friuli - e da una città veneta - Trieste - del tutto estranea al resto della regione, devono fare fronte comune contro i tentativi di svuotare di significato la ricorrenza, non cogliendone tutta l’importanza e il valore come grande momento di mobilitazione della comunità friulana intorno ai propri valori, alla propria identità e alla propria storia.

La ricorrenza del 3 aprile deve diventare un momento di grande attenzione verso la ragioni fondanti della Comunità Friulana: l’autonomia delle tante comunità, l’adesione di fondo ad una cultura del fare e dell’operare, l’attaccamento ad un ambiente e ad un territorio tra i più diversificati e suggestivi, la tolleranza verso altre culture, la persistenza di una lingua millenaria , che , insieme ad altre realtà minoritarie, rappresenta un forte elemento di originalità e specificità. Non si tratta di guardare indietro, ma di recuperare motivi di orgoglio per una vicenda storica che ha consentito la formazione della Comunità Friulana, con le sue libere istituzioni e il suo libero Parlamento, più antico di quello inglese.

Che la festa del 3 aprile non abbia raggiunto una posizione istituzionale è dovuto certamente al dilettantismo di molti organizzatori di celebrazioni improvvisate o a sfondo politico, ma soprattutto alla responsabilità di personaggi della sinistra che avendo raggiunto posizioni istituzionali di primo piano, come i vari Tesini, hanno preferito ruoli di sudditanza verso la classe politica e la burocrazia triestine, e le preoccupazioni verso la conservazione dell’unità regionale, invece di assumere un ruolo determinante nella istituzionalizzazione della Festa della Patria del Friuli come grande festa di popolo, come momento di orgoglio per il popolo friulano, come stimolo ad imboccare itinerari di crescita e di innovazione, nel rispetto di valori importanti. Bene ha fatto pertanto il Presidente Ballaman a ricordare la ricorrenza in Consiglio Regionale.

Rivolgiamo un appello ai 200 comuni e alle tre Province friulane, unite finalmente in Comunità, per dichiarare formalmente il 3 aprile come Festa del Friuli e per organizzare una grande manifestazione unitaria e 200 manifestazioni locali per rendere l’intero popolo friulano partecipe di una ricorrenza di grande importanza. Non motivo di divisione, non oggetto di speculazioni politiche, non strumentalizzazioni, non manifestazioni improvvisate e mal preparate, ma un importante momento di unione e di coesione. E’ questo che il Movimento Autonomista Friulano chiede a tutti gli amministratori, agli operatori culturali, a tutti coloro che credono fortemente nel diritto del Friuli a crescere unito e partecipe di un importante itinerario di sviluppo.

Valeria Grillo

Presidente del Movimento Autonomista Friulano

furlan ha detto...

No mi interesse se i leghiscj a àn spendût lis bielis peraulis che chei de çampe àn pierdût dal an passât. Cumò cui che al po, che al à voie e podê, che al fasedi alc. Cui che al è un brâf furlan che lu dimostri.

Matieu ha detto...

O sotscrîf ce che al dîs Valcic in merit al comunicât: "pûr diliri."

No vere è invezit che dut il PD al vâ daûr da la Serracchiani. La veretât no è mai come che è come che al somee. Il partît al è in ferment e la posizion di ducji, massime chê de Serracchiani, no è ni clare ni stabile, e che al sarà cussì amancul fin al congrès.