19 marzo 2008

Meditazion eletorâl

No ai vût maniere di partecipâ a tantis elezions. Di 12 agns in ca ogni tant o voi a cjoli la schede e la matite e dopo vê segnât, o met il gno vôt te casele.
Ma mai come chest an o pensi a ce che o larai a scrivi su chês schedis che ai 13 e ai 14 di Avrîl a saran cjapadis sù pe elezion de Provincie di Udin, dal Consei Regjonâl F-VJ e dal Parlament.
E il gno nol sarà dal sigûr un vôt "aliniât e cuviert": o soi stât elet intune liste li che insiemit a corevin An-Udc-Forza Italia, ma l'asset politic al è gambiât cuntune fusion imponude (An+Forza Italia=Pdl), une separazion derivade (Udc par so cont) e duncje o soi che mi domandi ce che o votarai.
Il dibatiment a nivel regjonâl su la cuestion identitarie e la tutele de lenghe furlane mi à segnât une vore. Mi à smaraveât la tristerie di cierts intervents e la posizion che sedi An, sedi Forza Italia, sedi l'Udc a àn cjapât a nivel regjonâl mi à viert i voi. O ai cirût in mil manieris di comunicâ cul grup consiliâr di Forza Italia, ma mi soi cjatât denant un mûr di gome. Cuntune ecezion, Massimo Blasoni, che mi à dât la ocasion di fevelâi, di furnî cualchi dât: a la fin nol à votât cuintri, ma nol à nancje votât a pro de gnove leç di tutele de lenghe furlane. Si è impegnât (e i doi at), ma par gno cont no avonde. Il rest dai conseîrs a àn fat declarazions velenosis cuintri de lenghe furlane, doprant une terminologjie al limit de decence. No pues votâ par int che a àn dimostrât tante contrarietât par un teme che jo o riten fondamentâl no dome pe mê identitât, ma ancje pe specialitât regjonâl come che al à ancje dit plui voltis Claudio Violino (te foto parsore), conseîr regjonâl de Lega Nord.

Tachìn de Regjon.
Fate la premesse chi parsore, o dîs che il rapuart personâl cun Renzo Tondo (te foto) al è par gno cont fûr di discussion e duncje Renzo Tondo al è e al reste il gno candidât pe presidence de regjon. E alore cemût fâ? Mi soi metût a lei lis listis e o ai cjalât cui e se o cognossevi cualchidun che tal Centridrete al à lavorât a pro de lenghe furlane in maniere fuarte: cui che al à tirât simpri di cheste bande, difindint cun fuarce la lenghe furlane al è Claudio Violino (Lega Nord, te foto parsore), che o cognòs personalmentri e che o sai che su cheste cuestion nol molarà. In regjon o votarai e us invidi ancje voaltris a scrivi Claudio Violino (Lega Nord, te foto parsore) a pro dal candidât president Renzo Tondo.

Po dopo o ai pensât a la Provincie di Udin.
Chi o soi plui seren parcè che al torne a cori Adriano Piuzzi (Pdl) che mi à garantît une atenzion ancje a la cuestion linguistiche. Cun di plui il candidât president al è Pietro Fontanini e duncje o soi trancuil. Stant che o voti tal coleç di Sant Denêl, su la schede al è za il non e duncje al baste segnâ une X sul simbul Pdl: Adriano Piuzzi (te foto) a pro dal candidât president Pietro Fontanini.

Ancje se o soi a stâ di une altre bande, o dîs ancje alc sul Comun di Udin.
Chi o darès la preference a Simone Bressan (Pdl), un zovin in gjambe, colaboradôr de Patrie dal Friûl e che come me in Forza Italia al è sensibil a la cuestion de tutele linguistiche. Simone, no pues votâti, ma se o fos a stâ a Udin tu varessis dal sigûr la mê preference.

E par sierâ, viodìn dal Parlament.
La fusion cun An no mi va jù. Secont me al jere miôr mantignî la struture federade cui 4 simbui, ma al è stât imponût che si ves di meti insiemit Fi e An. Cheste fusion sbilançade a drete, viers An, un partît che al è cuintri a la tutele des identitât furlane no mi à plasût e no mi plâs. Cun di plui e je la barzalete che pal Senât il Pdl al à candidât Giovanna Iesse che e je in oposizion in consei comunâl di Maian e nus à votât cuintri ancje te aprovazion dal belanç: a mi chestis luianiis no mi plasin e duncje un motîf in plui par no votâ Pdl in Parlament. O varès fat il sfuarç se almancul Vanni Lenna al fos stât tignût in considerazion, e invezit al è stât spostât di une posizion sigure a la cjamare, a une incierte al Senât. E ce centrial Frattini? Îr al è vignût a Udin e tra lis robis che al à dit, al à contestât la leç sul furlan. O soi schifât.
E si son ancje sustâts parcè che i furlans dal Pdl no àn ubidît e no àn metût dentri in liste Volpe Pasini pe Regjon.
Cun cheste, mi soi fat une idee avonde precise di cemût che il Pdl di Rome al considare il Friûl: une robute di meti sul marcjât.
Par tant sedi pal Senât sedi pe Cjamare NO VOTARAI Pdl!
Ta chei dîs achì o cjalarai ben ce che a ufrissin i partîts pe nestre regjon.
Cussì, pal moment, no doi nissune indicazion pal Parlament, se no che dal sigûr NO VOTARAI Pdl.

10 commenti:

Christian Romanini ha detto...

dal MV
MERCOLEDÌ, 19 MARZO 2008

Pagina 10 - Regione

Frattini: pattuglie ai confini e più polizia in Fvg

L’ex ministro lancia il tema sicurezza. «No all’euroregione senza Slovenia e Lombardia»

VERSO LE ELEZIONI

«La legge sul friulano bocciata perché andava oltre i limiti»

Il capolista Pdl alla Camera apre la campagna a Udine con Tondo




di PAOLO MOSANGHINI
UDINE. Piú sicurezza in Friuli Venezia Giulia, che tradotto nel programma del Pdl significa pattuglie ai confini e una presenza capillare sul territorio delle forze di polizia. Il vicepresidente della commissione europea Franco Frattini insiste: «Una regione come questa deve avere attenzione ai problemi della sicurezza, è il primo segno tangibile che lo stato c’è». È un punto del programma del Popolo della libertà «che gli altri non sono riusciti a copiare», ironizza l’ex ministro degli esteri - capolista del Pdl alla Camera in Friuli Venezia Giulia - davanti alla platea di amministratori e fedelissimi all’hotel Là di Moret. Occasione per presentare i candidati alla presidenza della Regione Renzo Tondo, della Provincia di Udine Pietro Fontanini e del Comune di Udine Enzo Cainero. I coordinatori di Fi Isidoro Gottardo e di An Roberto Menia hanno introdotto la serata. «La posizione geopolitica di questa regione impone scelte e proposte importanti. E l’onorevole Frattini per noi è una garanzia», dice Gottardo inaugurando gli interventi. E Menia sottolinea che c’è «un’emergenza sicurezza e che la parola sicurezza va declinata sotto diversi aspetti».
Anche Fontanini e Tondo hanno battuto sulla necessità di interventi in materia di sicurezza nel territorio provinciale e regionale. E Frattini ha illustrato il progetto del Pdl in materia: controllo del territorio con una forte presenza delle forze di polizia, poliziotti di quartiere e polizia locale. «In questa regione il ruolo delle forze di polizia deve essere speciale, con compiti di presidio alle frontiere, promuovendo pattuglie per il controllo delle aree di confine che meritano di essere sorvegliate. Ci vuole un impegno europeo. E allora invito la Slovenia e l’Austria a lavorare con noi per creare pattuglie congiunte». Quindi rivolto a Tondo: «Chi governerà questa regione dovrà assumere iniziative con il governo centrale per mettere in atto le azioni di prevenzione e di controllo del territorio». Nel programma del Pdl, al capitolo sicurezza ci sono anche la certezza e l’effettività della pena, l’immediatezza della condanna, il braccialetto al polso per chi è agli arresti domiciliari, la tutela delle vittime dei reati con sportelli aperti giorno e notte nelle città. «Tra le forze di polizia e i no global noi scegliamo i primi, gli altri no», mette in evidenza ancora Frattini.
Euroregione. Ci sono anche la Lombardia e la Slovenia nell’Euroregione riveduta e corretta che ha in mente il vicepresidente della Commissione Ue Frattini, perché «il Fvg deve agganciarsi alla parte più produttiva del Nord del Paese e non limitarsi a stringere un accordo privatistico con la Carinzia». Nel futuro del Fvg Frattini vede «un federalismo fiscale autentico, basato non solamente su un onere burocratico per la riscossione dei tributi, ma sulla possibilità di armonizzare le aliquote a quelle applicate nei Paesi vicini». L’idea di Euroregione portata avanti da Illy non gli piace. «Ciò che si sta costruendo a Nordest non può dimenticare la Lombardia e la Slovenia – ha ammonito in un incontro ieri mattina inaugurando la sede del candidato Tondo -. Il Governo Prodi avrebbe dovuto cedere delle competenze alla Regione e applicare gli accordi che prevedono la creazione dei Gruppi europei di collaborazione territoriale, cosa che non ha fatto probabilmente - ha aggiunto Frattini - per ragioni politiche». Secondo Frattini, «così come è stata strutturata l’Euroregione rischia di essere soltanto un’associazione privatistica di cooperazione»
Base di Aviano. «Stimo Illy e in questa campagna non lo attaccherò mai personalmente, ma – ha detto Frattini – penso che sarebbe folle pubblicare gli accordi tra Italia e Stati Uniti relativi alla base Usaf di Aviano. Sarebbe folle - ha spiegato - perché vorrebbe dire fare un favore ai terroristi. Quando ho letto una frase che chiedeva più o meno questo, sono sobbalzato. Ma non credo che la penna sia quella di Illy, evidentemente è stato costretto a scrivere queste cose dalla Sinistra radicale».
Statuto di autonomia. Per Roberto Menia, vice-capogruppo di An alla Camera e coordinatore regionale del partito in Fvg, la proposta per il nuovo Statuto di autonomia del Fvg, approvata dal consiglio regionale nei mesi scorsi, «è carta straccia». Mania ha spiegato che, «non essendo stata approvata dal Parlamento, è decaduta come sono decadute, con lo scioglimento delle Camere, tutte le altre proposte di legge». «Noi - ha concluso Menia - elaboreremo un nuovo testo che sarà più aderente alle esigenze del Friuli Venezia Giulia».
Friulano. «Se il Governo Prodi ha bocciato la legge regionale voluta da Illy - ha illustrato Frattini - è perchè è andata oltre la legge nazionale 482. E quest’ultima non è stata ancora applicata perchè comunque - ha aggiunto - tratta di questioni delicate e complesse per l’unità nazionale».
(ha collaborato Cristian Rigo)

thermonuke ha detto...

Ben po, e jo che o fasevi mil ilazions sul fat che nol fos un puestut par te.

Cumo o sai parceche no ti candididin...

cert che al e un poc che ti domandi ce che tu fasis inmo cun FI.

Però se t'us mi disin che si e liberat un puest te margarite...;-)

thermonuke ha detto...

Bisugne rinditi at che tu ses un orcodiaul ma almancut no tu ti platis daur ce c'al disares qualchi to von pasàt o trapasat, al massim cun adorazion par santui e barbes....ma cheste volte un tic mancut incondizionade.

Simone Bressan ha detto...

Grazie mille Christian! Tu ses un amì!

E Fuarce Udin :-)

ninine ha detto...

Jo no viot dome la ore che al finissi dut chest casin eletorâl parce che no si puès plui di dute chê politiche fraide che o vin in Italie.

Christian Romanini ha detto...

Mandi Ninine,
eccecaratar! =)

Christian Romanini ha detto...

Mandi Simone,
il gno no dome al è un pinsîr di amì, ma ancje un pinsîr politic: a àn di jessi premiât chei che a son dongje de int.
E cumò pedale!!! =)

Christian Romanini ha detto...

Thermo,
grazie, di fat no mi plati e par chel o soi viodût come un orcodiaul.
Ma o pensi che massime in politiche si varès di fevelâ clâr, e no platâsi.

Christian Romanini ha detto...

Sul gazzettino Frattini, se nol fos avonde ce che al è scrit su Mv, al è lât jù inmò plui pesant:

D'accordo con il Governo Prodi per l'impugnazione della legge sul friulano, «perché è andata oltre i limiti della 482». Una norma, quella nazionale, su cui per altro Frattini ha anticipato che «si ragionerà se modificare o correggere», sostenendo inoltre che «la specialità del Friuli Venezia Giulia nasce su tante cose, non si può dire che è speciale perché nasce come un coacervo multilinguistico».

E cun cheste o soi inmò plui convint che NO VOTARAI Pdl in Parlament!

thermonuke ha detto...

Jo pe provincie, parce convint che al sedi un orghin inutil, o domandarai di no ritira la schede.

Se chest al cause un casin ai scrutadors, le ritirarai e o scrivarai THERMO par traviesr.

Pal rest o stoi pensant...