16 gennaio 2008

Il Pape

Pape Ratzinger (te foto gjavade fûr di wikipedia) no mi sta tant simpatic: Zuan Pauli II cuant che tal 1992 al è stât a Udin al à saludât il popul furlan doprant la nestre lenghe vierzint il so discors disint «Fradis furlans, us saludi te vuestre marilenghe e us invidi a tignî dûr cu lis tradizions, la fede cristiane e i valôrs dal fogolâr, e a fâju cressi tal cûr dai vuestris fîs». Pape Benedet XVI invezit chest Istât passât al à pensât di tornâ a introdusi l'ûs dal latin, come che al jere prin dal Concili Vatican II (1962-1965), tornant cuasi a meti une bariere tra il popul e la glesie, cuasi che al volès tornâ indaûr ai timps dal Concili di Trent (1545-1563) cu la liturgjie in lenghe latine: cui isal in stât di capî dute une messe par latin in dì di vuê? E ce sens varessial? (ve chi il test intîr de letare apostoliche di Pape Benedet XVI).
Magari e sarà ancje une vision semplicistiche, ma no jessint un teolic ma un dal popul, mi plâs resonâ par cuestions semplicis.
Dit chest, o fâs une riflession su la cuestion che di cualchi zornade e à tignût e e ten banc sui gjornâi: il Pape nol larà plui ae Universitât La Sapience di Rome a fevelâ pe scree dal an academic.
Secont me e je une sconfite par ducj. Ma no parcè che la Universitât e à di vê une sotanance tai confront dal Vatican: o soi un convint sustignidôr de laicitât des istituzions statâls e dal principi che e vedi di jessi une "libare glesie intun stât libar".
Ce che mi à avilît al è il fat che e sedi mancjade une ocasion di sane dialetiche tra sogjets che le puedin ancje pensâ in maniere difarente.
A àn fat mâl a domandâ che il Pape nol intervegni, al à fat mâl il Pape a rinunciâ a la visite ae Universitât, a àn fat mâl i politics a cjapâ la ocasion par creâ inmò tension, a àn fat mâl i gjornâi a dâ dute cheste rilevance a un episodi che al è deventât un câs mediatic li che si à cjalât plui al contor che a la sostance: che si vedi vude voie di creâ la enesime barufe? No lu sai, ma il suspiet mi reste...
Tornant a la cuestion, la universitât e varès di jessi il lûc dal resonament e dal confront des ideis: ducj a varessin di vê il dirit di esprimi la lôr idee, lis lôr teoriis e ducj a varessin il dirit di contestâ in maniere pacifiche e dialetiche ce che no condividin. Invezit ce che o ai viodût jo al è stât un stiçâ une polemiche pardabon puare dal pont di viste inteletuâl, uman e democratic.

16 commenti:

thermonuke ha detto...

Doi fats:
PRIN: Oltre a ve volut le messe in latin dite voltant le schene ae int, al par che al vedi afermat che Galileo al a vut un proces just e che al sedi stat riabilitat (visinsi che el so predecesor al veve domandat scuse...) par une convenience pulitiche.

El secont al e che al Pape j'an lassat tabaja in Turchie ma no ae Sapience li che invecite no an vut problemas a di le lor personagjos di plui bas nivel (tant plui bas).

Ancjemo une volte o vin pierdude le ocasion di fa viodi che sin un pais civil al mont intir.

Forsit al a reson Calderoli che al a dite "La Sapienza va ribbattezzata L'Ignoranza (jo o disares l'intolleranza)" ma in quant a aperture (o tolerance) ancje Benedet tornant a svangja cierts argoments che oramai si crodevin digjeris non d'a mostrade masse no?

Luca Peresson ha detto...

Dal dut dacuardi cun te Thermo.


In curte:
(1)
Il pape nol veve di tornâ indaûr inte sielte di lâ a "La Sapienza".

(2)
Il retôr nol veve di invidâlu.

Marino ha detto...

La citazione di Feyerabend, filosofo austriaco, sconosciuto ai più, riferita dal prof. Ratzinger in una conferenza del 1990 (?): "La chiesa dell'epoca si attenne alla ragione più che lo stesso Galileo", francamente può essere interpretata ambiguamente. Come hanno fatto quei 60 proff. seguiti dai soliti facinorosi.
Sono contrario ad ogni forma di intolleranza. Qualsiasi persona, e non solo il papa, deve avere la possibilità di esprimersi nei luoghi adatti.
Mi dispiace che l'Italia quotidianamente ci dia valide giustificazioni per vergognarci di essere italiani.
mandi

ILfurlanist ha detto...

Sta atent a celebrâ masse Zuan Pauli II: sastu che a chês celebrazions i tiei amîs di Glesie Furlane no son lâts? ;-)

Luca Peresson ha detto...

Caro Marino,
I 60 professori (dei facinorosi per ora non mi interesso) sottoscrivevano la riflessione di un loro collega; una riflessione risale ad oltre due mesi or sono e che non è stata presa in considerazione fino a che non si è determinata una tensione tale da giungere ad uno scontro.
Come vedi, Marino, l'accusa di incapacità ad accettare un confronto andrebbe forse rivolta ad altre parti.
Successivamente a questo scontro abbiamo visto giornalisti e politici dare interpretazioni, citare (spesso falsificando) ed avversare quelle tesi formulate mesi prima. E, guarda caso, in ognuna di queste riflessioni erano i professori ad aver usato "la spada dell'intolleranza".

Quindi, caro Marino, su una cosa sono d'accordo con te: questa classe politica e questa informazione è qualcosa di cui vergognarci. Ma almeno resta la soddisfazione di scoprire che in Italia esistono ancora uomini di scienza che usano autonomamente la testa ed esprimono pacatamente le proprie convinzioni (condivisibili o meno che siano) senza aver appaltato il cervello al proprio superiore o al proprio parroco.

Christian Romanini ha detto...

Intant grazie pes vuestris riflession.
Come che o ai za dit, o ai une posizion avonde critiche su pape Benedet XVI.
Cun Luca o soi dacuardi che il pape nol veve di rinunciâ, ma no capìs parcè che il retôr nol varès vût di invidâlu. No sai se lis proceduris solitis a son stadis rispietadis o mancul, ma no riten che al sedi un erôr in se.
di marino o condivît il dirit di ognidun a podê esprimisi.
dree: jo no celebri Zuan Pauli II, o ai dome ricuardât un episodi che mi à fat plasê: po dopo tancj a son i ritarts e lis mancjancis, ancje se no cognòs dal dut lis motivazions parcè che Glesie Furlane no à partecipât a la visite dal 1992.
Ancje jo, cun chescj episodis mi vergogni di vê scrit su la cjarte di identitât: cittadinanza italiana.

Luca Peresson ha detto...

"No sai se lis proceduris solitis a son stadis rispietadis o mancul, ma no riten che al sedi un erôr in se."

Un che nol sâ al pues pandi judizis?

"di marino o condivît il dirit di ognidun a podê esprimisi."

Dapardut?

forestpark ha detto...

Sule oportunitat di invida' el Pape ale Sapienza, no stin dismenteasi che cheste Universitat, tra le plui grandes al mont par numar di studens, a ere stade volude dal Pape Bonifacio VIII.
Les universitas e varessin di iessi un luc di dialogo, specialmentri tra int di divierses opinions.
Le Columbia University, i crot no prime dal 2006, e a vut come speaker el President dal Iran, Ahmenajad. Quale mior occasion di fai mill domandes, che velu li' sul palco?
Stesse robe e podeve iessi fate cul Pape, magari, invidalu e permetti ancje un scambio di domandes e rispuestes a le fin.
Ecco el poc cal dis el FT:

http://www.ft.com/cms/s/0/94947552-c3d6-11dc-b083-0000779fd2ac.html

li cal ven sottolineat el fat che studens e varessin "dat fastidi" ale visite cun musiche ad alt volum.
Che tra l'atri el reat di eresie, al esist ancjemo' in qualchi Pais (come nega' el olocausto), ma su le oportunitat e utilitat di misures di chest tipo si podaress magari discuti in tun atri post.

Mandi

Christian Romanini ha detto...

Luca, o speri che la prime domande e la tô considerazion no sedin indreçadis a mi. Se invezit e je cussì ti prei di slarîmi dulà che al à voie di rivâ il to resonament, parcè che no lu ai capît.
E po no ai nancje capît parcè che il dirit di opinion al varès di vê dai limits: parcè domandistu "dapardut"? Sono puescj li che cualchidun nol pues fevelâ?

thermonuke ha detto...

Luca, o precisi che el to prin coment, d'acuardi cun me, al a comuncue conclusions che jo no ai (mi riferis al nol veve di invidalu).

Christian no tocje a mi rispuiditi ma:
si, e son chescj puescj, al e evident, al pape al e stat IMPEDIT di tabaja a Rome (in Turchie invecite no....).

Le domande e reste sino veramentri chel pais civil che si svantin di jessi?

Sottodomande provocatorie: isal un cas che chest al suciedi in tal unic pais ocidental li che al e al governo un partit che si clame RIFONDAZIONE COMUNISTA?

Jaio ha detto...

Par furlan o par latin, al é simpri e dome par tirânus in te glêsie. S'al fos ch'o las in paradîs diretamenti o lu disarès vulintîr un ave marie in dutis lis lenghis ma o sai ch'o sai stâ zence e che il gno paradîs, se no lu fâs jó achi in te cjere a no mal fâs nissun tal al di là.

Luca Peresson ha detto...

Christian:
tu pandis une posizion dant reson a une part. Chest al significhe dâ tuart a di un altri. O torni a scrivi la tô frase cambiant il subiet (dal tô judizi):

"No sai se lis proceduris solitis a son stadis rispietadis o mancul, ma o riten che Cini al vedi falât"

Ce ti samee?

A proposit. Chês che tu clamis "lis proceduris solitis" a son regulis che an plui di 700 agns. Viôt tu...


"Sono puescj li che cualchidun nol pues fevelâ?"

Ancje in chest câs la domande juste e je difarente: "Ognidun al à il dirit di dî chel che al pense dapardut e cuant che al à voie?", al è chest il "dirit di peraule"? O a son dai puescj dulà che in particolârs moments no al è DUT consintît. Par esempli:
1) il consei comunâl;
2) il tribunâl;
3) lis cerimoniis uficiâls;
...

O no?

Chel che la plui part dai "difensôrs dal dirit di paraule" stan fasint fente di dismenteâ al è che nissun si è declarât cuintri di un intervent dal pape a "La Sapienza" ma pluitost cuintri de sielte dal retôr di dâ al pape la incjarie di tignî la "lectio magistralis" di viertidure da l'an academic.

No crôt che domenie tu podaràs lâ a fâ messe. E, par jessi clârs, o crôt che tu no vedis il dirit di fâlu. E se chest ti samee la violazion dal tô dirit di peralue no sai ce fâ.

Thermo:
jo o ti ai dât reson su il principi. Su la fonde di chel principi o ai tiradis lis mês conclusions.
Dut câs:
1) cui varessial impedît al pape di tabajâ? Jo o vevi capît che la sielte di no lâ a "La Sapienza" e jere stade sô. O no?
La sottoconsideraion provocatorie e je che, probabilmentri, inte societât lì che ti plasares vivi no si pues contestâ il podê. E naturalmentri no esist spazi par comuniscj, ebreos, neris, zingars, ateus, ecc.
Va ben.. alore mi tocjarà fâ la tessare. Ben petade. Ae fin tu mi âs convint.

ILfurlanist ha detto...

Oviamentri, il "celebrâ ZP II" al jere un cjapiel ironic par contâti chel altri fat, e stiçâti a savênt di plui.

thermonuke ha detto...

Luca tu as reson:
nissun j varess impedit al pape di tabaja: cule pulizie schiriade....

Sumo, nol e un omp viert ni tolerant su cierts argoments ma se tu rivis a di che al e LUI che al a rinunciat a tabaja "liberamentri" (parceche le contestazion e rivuardave el invit dal retor) mi par che tu stedis lassant che les tos convinzions e scjavalcjin le to razionalitat.

E e scjavalcjin ben ancje le to inteligjence se tu rivis a dimi che o idealizzi un mont cence spazi par contestazions al pode e par "comuniscj, ebreos, neris, zingars, ateus etc".

No ti doi le sodisfazion di cjapa su le provocazion de tessare ma distess ti visi che un pocje di storie le ai lete....

Christian Romanini ha detto...

pre Roberto Bertossi, che o ringrazii, il bonsignôr di Vençon e vicepresident di Glesie Furlane, mi à mandât une mail cuntune sô riflession su chest post.
Ve chi la mail di pre Roberto:

Bondì, Christian.

La tô riflession mi semee equilibrade e induvinade la osservazion che “al è deventât un câs mediatic li che si à cjalât plui al contor che a la sostance: che si vedi vude voie di creâ la enesime barufe?”, difat in tai gjornâi forescj si cjatin in prime pagjne li scovacis di Napoli, ma sul câs dal pape e de Sapience nancje la stampe bavarêse no fàs scjas.

Une mê impinion? Cui che al à inmaneade cheste robe al à dimostrât di vê une vision “ideologjche” dai rapuarts fra culture e religjon, scienze e fede, societât e glesie, al pont di mostrâsi intolerant. Il pape al varès di restâ content, se a valin ancje par lui lis peraulis dal vanseli: “Puars mai vuâtris, cuanche ducj i omps a disaran ben di vuâtris; difat a fasevin precîs i lôr paris cui profetis fals” (Lc 6, 26).

p. Roberto

Luca Peresson ha detto...

Thermo,
se o stin fevelant de polemiche fra i professors che an firmât la letare al retôr al è un discors, se o stin fevelant de reazion dai students alore il discors al è ideologjic, strumentâl, banâl e no mi interesse.
No mi metarai par sigûr a confondi i plans (Letare di Cini e manifestazion dai students) par il gust de polemiche.

Inmò: se veramentri tu pensis che la presince de polizie e sedi une circostance ecezionâl intes visitis dal pape jo no mi met di sigûr a cirî di sclarîti cemût che al va il mont.

Inmò: se ti displâs vivi intune democrazie dulà che il dirit a manifestâ al è garantît ancje par chei çondars che berghelin "No Pope" no sai ce fâ.

Ma no ti samee curiôr che nissun al feveli dai manifestants ma dal fat di vê "dineât il dirit di peraule e di confront"? E cheste acuse e je direte ai firmataris dal document che, viôt il câs, no an dineât nissun dirit a di nissun ma an dome esercitât il lôr dirit di peraule.

Cuant che pre Bertossi al fevele di "vision ideologjche" al fevele di chei che, come te, sconfondin l'anticlericalisim cul laicisim.

Jo par sigûr o riten che il pape nol varès mai vût di jessi invidât par une lectio magistralis in chê ocasion propit parcè che al è il pape. Ma no vares mai vût (e no ai) nuie in contrari a la presince dal pape intune Universitât. E o soi stuf di tornâ a dî simprit la stesse robe. Par te cheste posizion e je un atac al dirit di paraule e chest al è par il fat che PRC e fâs part dal guvier? Benon Thermo, cuant che jo o ti cjolevi in zîr pe cuistion dai zingârs ecc. tu ti sês stiçât. Almancul chel. Si vôt che tu pensis difarent di chel che tu scrivis. Miôr cussì. Mandi

O ti domandi scuse pal tenôr ma no pe scletece.

P.S. Fate la tessare. Mi displâs par te e par Tuti.