04 settembre 2009

Prime ti ignorin, dopo ti ridin, dopo ti combatin. Dopo tu tu vincis!

No vevi voie di scrivi. Une detule e dîs che "al è dibant fermâsi a resonâ cul mus: si piert timp e si infastidìs la bestie".
Ma mi è tornade sot dai voi une frase di une persone speciâl, che no fevelave dibant.
"Prime ti ignorin, dopo ti ridin, dopo ti combatin. Dopo tu tu vincis!" al diseve Gandhi.
Po ben, se al ves vût la pussibilitât di vivi fint vuê o pensi che nus fasarès presint che o sin dongje de vitorie!
Di fat si è discjadenât un atac frontâl, vergognôs cuintri de lenghe furlane, che o riten il spieli di un popul e par chest l'atac al rive dret al Friûl e ai Furlans.
No dome a son cierts politics che si pierdin a criticâ iniziativis che invezit tal rest de Europe a son cjapadis come model (cjale il Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan che la universitât di Stocolme e doprarà tant che implant informatic par un vocabolari talian svedês). Un intervent che al è stât finanziât cun fonts destinât a la politiche linguistiche (sul Messaggero Veneto dai 04.09.2009, Sergio Cecotti, za president de Regjon, al declare «anche prendendo l’anno di massimo finanziamento, stiamo parlando di meno del 0,0003% del Pil. I politicanti che impiegano quote significative del loro tempo a prendersela con un presunto spreco dell’ordine del decimo di millesimo di punto percentuale vanno classificati nella categoria dei buffoni»).
E no je dome la politiche (cul "p" minuscul) che e çavarie. Sedi "L'Espresso" sedi "Io Donna" (insert dal Corriere della Sera) a àn armât la sclope de maleinformazion e a àn tacât a trai cuntri dal Friûl, dai Furlans, de lenghe furlane. A sedi bogns, ancje se un gjornâl come che Diu comande nol varès di jessi justificât, si podarès dî "Bon dai, a àn lis redazions lontanis, magari no cognossin la nestre realtât e a son colâts tal erôr e a jerin in buine fede". Ma chest resonament inte ete de informazion globâl nol varès nancje di jessi... Cun di plui cuant che, intune inchieste che e ricuarde la interogazion fate di un politic in consei regjonâl che e acusave di strassarie il za nomenât Gdbtf, il gjornalist si "dismentee" di scrivi ancje che il dut si è sierât cuntune grande "bufule di savon" e cun tant di dimostrazion che il lavôr al è sot paiât e invezit lis risorsis par progjets simii di altris bandis a son une vore plui altis, la cualitât di cierts articui si comente dibessole...
Cence contâ che a son agnorums che la Europe e puarte indevant la difese dai dirits linguistics ricognossint lis lenghis dai popui (al esist ancje l'Eblul, un ufici european pe tutele des lenghis mancul pandudis), e plui di cualchi volte e à riclamât la Italie pes inadempiencis in chest cjamp (no stin nancje a fevelâ dai "grancj finanziaments" a la Leç 482/99, che di grant a àn dome une continue e drastiche riduzion).
Po ben, propit parcè che il stât talian si conferme di jessi une vore indaûr su chestis cuistions (par dî la veretât, no dome su chest...) jo no mi sint di vê tant ce fâ fieste: dopo mai che il President de Republiche al sofle parcè che si varès di ricuardâ in maniere degne i 150 agns de unitât di Italie. Mi sarès plasût che cu la stesse fuarce lui, che al è il so garant, al ves domandât il rispiet de Costituzion de Republiche taliane (comprindût l'art 6: la Republiche e tutele cun normis di pueste lis minorancis linguistichis).
Mi consoli duncje tornant a Gandhi, parcè che dopo agns che tal rest di Italie a ignoravin (e forsit in tancj ancjemò vuê no san) dulà che al jere il Friûl, continuant a viodi che in tancj no pierdi ocasion par riditi e sbeleâti, cumò a àn tacât a combatinus cun tristerie: po ben, come che o vin tignût dûr fin cumò (al è agnorums che a disin che il Furlan al sarès sparît e invezit o sin inmò chi), tignìn dûr inmò un moment parcè che il prossim pas al è dongje e al è chel che al conte: la vitorie!

PS: tra l'altri, i concuistadôrs talians a son rivâts tal 1866 tal Friûl Centriocidentâl intant che tal Friûl Orientâl fint al 1918 e jere la Austrie... ma tant chest nol impuarte: cuant che si trate di celebrâ la Italie "una d'arme, di lingua, d'altare" dut al è permetût e ancje i numars e lis datis a valin un tant al kg.

4 commenti:

Guru ha detto...

Tu tu às simpri bieli peraulis, tu tabais bèn. Ma a ûl contat ancje che cuintri il fûc di tiru dai canons di che int che a nus combat a sares just ve un pôc di publicitàt "pro" del lenghe.

Sarès biel che la int che tabaje furlan si podes ogni tant cjatasi, ta une fieste, par podè metisi di acuart sul ce fa, sul ce mût compuartasi cun che int!
Io i sarès a une "fieste dal Furlan"!!

Anemone Viola ha detto...

Bundì,
no ai peraules par chel articul che jai già commentat tal me blog :

http://anemoneviola.style.it

No tollerei chistu, ma, come che i scrif tal me post, beh, l'Italie a tache a ve pore dal Friul se i pos cusì risciumi il dut.

Bune sornade, ten dur e no molà mai!
Mandi!

Christian Romanini ha detto...

Un grazie a ducj chei che mi àn dit che ur à plasût chest post.
E un grazie ai tancj letôrs dal blog, che o scuvierç che a 'nd è simpri di gnûfs.

Anemone Viola ha detto...

Bune sornade!