20 maggio 2009

Mandi Lelo Cjanton

Al è mancjât Lelo Cjanton, poete fondadôr dal grup "Risultive" (te foto, il grup tai agns 50: si pues ricognossi ancje pre Josef Marchet, il tierç di çampe a drete e dongje Lelo Cjanton).
Di simpri leât a la Filologjiche, al jere stât ancje diretôr dal setemanâl “Patrie dal Friûl” dal 48 al 53.
Chi sot o ripuarti une poesie che al veve scrit in ricuart di Chino Ermacora.

Chino di Sante Eufemie
Tor di Tarcint, sui cuei, tal mês di Avrîl,
si gjolt il blanc dai cjariesâr flurîts,
si sint il fresc dal cîl.
Biel il soreli gnûf,
e Sante Eufemie, biele, cui voi clârs
e cjale il Paradîs.
Ca sù la sô gleseute!
Co e sune la sô svelte campanele,
si jentre a scoltâ Messe,
e po dute la int
si ingrume li di fûr
che e je une piere cuntun non sculpît;
si dîs une preiere,
ma li no son vues di un sapulît,
li al è il ricuart di un cûr
che nol è muart, che al vûl
restâ daviert a vivi
par dâ inmò al Friûl, tun gnûf lusôr,
cul blanc dai cjariesârs un cjant di amôr.
Lelo Cjanton

2 commenti:

Jaio ha detto...

Ostie, propit Lelo. Un grant, l'ûltin vêr poete ancje s'al jere un biel toc ch'o mi domandavi ce ch'al faseve. Al à sielzût di lâ vie cun Marino Plazzotta. Biele idee di meti chiste puesie di lui.

Jaio ha detto...

Cuâl îsal il Lelo alore? Il cuart?