31 luglio 2010

Zovins e Furlanetât

Vuê o soi intervignût a la Cunvigne di Ente Friuli nel Mondo su "Zovins e furlanetât".
O soi restât scaturît pai coments che al à fat il prof. Tellia che al à fat intindi che la identitât furlane no covente...
Us propon chi l'intervent che o ai fat.

Zovins e furlanetât tal 2010

Cuant che a non da La Patrie dal Friûl o soi stât invidât a intervignî a cheste setime cunvigne dai Furlans tal mont, e o ai savût dal titul de zornade, mi soi fat une domande: aial sens fevelâ di furlanetât a zovins che forsit il Friûl no lu àn mai viodût o lu viodin vuê pe prime volte?
La domande no je banâl come che banâl no je la domande che si lee secont di me in maniere strente a une seconde domande: aial sens mantignî la nestre lenghe furlane intun mont che al devente simpri plui piçul ta cheste ete de globalizazion?
Lin par ordin.
Se vuê o sin chi, evidentementri no je dome par condividi une zornade di fieste. Piês al sarès limitâsi a un cjalâsi indaûr, lassantsi puartâ vie de nostalgjie par un Friûl che nol è plui.
Cuant che i nestris nonos a àn lassade cheste tiere, o met ancje la mê famee stant che i miei a son stâts “libars di scugnî lâ” in Argjentine (a Buenos Aires); in Gjermanie (a Colonie); in Svuizare (a Zurîc e Aarau); in Francie (a Parîs), al jere dal sigûr no par turisim ma parcè che chi e jere miserie o parcè che a vevin la ilusion di cjatâ dulà che a levin alc di miôr.

La lidrîs e je restade vive, ma chest nol baste plui.
Continuâ suntune strade dal ricuardâ ce che al è stât lassât, nol puartarà di nissune bande. Cemût podìno pensâ che i dissendents di emigrâts pal mont, int che e à savût costruîsi une posizion (par ducj o pensi a Sandra Pizzolitto, ministre dal cumierç e dal disvilup economic dal Ontario, ma tancj a saressin i esemplis) si podedin contentâ di une sunade di liron, une vilote, di un album di vecjis fotos in blanc e neri? Dut chest patrimoni al va ben e si à di tignîlu di cont, ma vuê il Friûl di chenti al à la responsabilitât morâl di fâ cognossi ce che cheste tiere e je orepresint.

Pierdi une culture al è un dam orent pal mont intîr
Duncje o vin di jessi pronts a frontâ cheste sfide cul mont di vuê, tignint presint che il pericul di pierdisi tal vilaç globalizât al è grant. E par dîle cun Robert Jhonson, gure espert di "life training e za consulent di Bill Clinton, Bill Gates e Micheal Jordan, o vin di "distinguisi par no estinguisi".
Spes tes discussions che cualchidun al imbastìs in cont dal Friûl, al capite di sintîsi a dî: “a ce coventie la lenghe furlane se o sin 600.000 mil chei che la fevelin achì e il mont al è invezit di 6 miliarts di personis”. Daûr di chest resonament aritmetic alore la stesse obiezion e podarès jessi fate ancje par dutis lis feveladis, cjapant dentri il stes inglês, il stes castilian, il stes cinês: ce plui, ce mancul o sin ducj piçui e ducj grancj a seconde dal element di confront.
Pre Antoni Beline, par agns diretôr da “La Patrie dal Friûl”, za tal 1989 al scriveve sul libri “Struture e/o culture” che o cjatais su la jentrade «A chest pont la cuistion e sarès sierade cu la prospietive, no tant lontane, che lis culturis mancul fuartis, come lis nestris, a vegnin glotudis e assimiladis di chês plui fuartis, come il talian. Cu la stesse logjiche, ancje il talian al vignarà glotût de culture anglo-americane e cussì chei che nus varan copâts nô a saran copâts ancje lôr. Ma chest nol è che mi jempli il cûr di sodisfazion. Parcè che la pierdite di une sole culture, ancje de plui rimite, e je un dam culturâl orent. Une pierdite che nissune teorie sul vilaç-globâl no pues justificâle. Un mont là che si è compagns tal sens di jessi ducj cence savôr e cence odôr e je une disgracie che ti fâs vigni frêt dome a pensâle. Imagjinâsi a vivile.
A rivuart dai piçui che si difindin, acusâts simpri di jessi antisociâi e nemîs dal progrès, che al sarès chest planete vualivât, mi permet di osservâ che la robe e je vere juste par ledrôs. Chel che al à une sô invidualitât al podarà confrontâsi, dâ e cjapâ. Il vêr indivualist al è chel che si sint citadin dal mont e vonde, par ce che nol à nuie ce dâ e nuie ce cjapâ. Dome pensâ pal so glotidôr
».

Si à di montâ a cjaval, no colâ di chê altre bande
A ce covential continuâ a fâ vivi une lenghe? Montâ sù sul cjaval de modernitât nol à di significâ, taiâ la lidrîs cu la essence dal nestri jessi furlans. E il spieli di un popul al è la lenghe che chest popul al fevele: il so prin biliet di visite, la sô prime cjarte di identitât di mostrâ a chei altris popui. Par fâ une batude o disarès che il todesc al è precîs, come precise e je la sô lenghe, il talian al è cavilôs come che e je cavilose la sô lenghe, e vie indevant. La lenghe furlane e je sclete e sute come che a son i furlans. Ben si intint che ognidun di chescj aspiets al à il dret e il ledrôs de medaie, e ogni popul al è biel.
Come che al diseve Dree Venier intun editoriâl su La Patrie, duncje «La cuestion no je “dulà si vadial cul furlan” ma “dulà vadial il Friûl cence lenghe furlane”: al sparìs
Ve alore che al devente fondamentâl peâsi a chest fuart element di identificazion par podê continuâ a trasmeti no dome un vocabolari, ma ancje dut un sisteme di valôrs che cheste lenghe e puarte cun se.

No je dome une cuistion di lenghe.
La lenghe furlane no je dome un mieç di espression. Vere: se al fos dome chest al bastarès dome un codiç linguistic, ma o savìn ducj ce fin che al à fat l’esperanto e che l’inglês che si fevele tal cuotidian pai rapuarts internazionâi nol è la lenghe di William Shakespeare, ma une forme puare che e covente par puartâ juste il minim de informazion e che cualchidun al clame “globish”. Dal sigûr no puarte cun se chê complessitât di patrimoni che al identifiche un popul ben definît. Ce che mi preocupe di plui al è che dispès chi in Friûl al somee che al ziri chel virus strani, fi de globalizazion e che si clame “esterofilie”: o vin scuviert chei altris, dimenteantsi di noaltris. E vuê plui di cualchidun si è dismenteât di savê fevelâ furlan. Ma se i Furlans tal mont, e voaltris o sês l’esempli concret, a àn vuadagnade stime al è parcè che si presentavin cuntun patrimoni di culture, lenghe, esperience, mistîr, cognossincis, valôrs e identitât ben definîts. La storie de emigrazion furlane e je divierse de storie de emigrazion taliane, ancje se dispès e ven cjapade dentri di chê. O puarti dome l’esempli di une realtât che o ai vude la furtune di cognossi diretementri. Cuant che tal 1876 il prin ministri de Argjentine Nicolas Avellaneda al pensave a une leç di imigrazion al à cirût cuâi che a podevin jessi i destinataris di chestis assegnazions di terens e i è stât rispuindût e conseât un popul che al steve tal nord Italie, ai confins cul mont austriac, e che si clamave (e si clame) “furlans”. Nol è un câs che i sedi stât fat il nestri non: cussì tal 1878 a son rivâts il prins 295 fondadôrs che cul lôr patrimoni di cognossince e di culture a àn fat nassi cheste comunitât che inmò in dì di vuê e rapresente une realtât virtuose e esemplâr di furlanetât tal mont. E nol è l’unic câs che al testemonee la stime che il nestri popul si è vuadagnât ator pal mont.

Une clâf universâl
Covential zontâ inmò alc? Po ben, o cjali simpri tal pratic daûr di une esperience che no je masse grande, ma dal sigûr direte.
E il spont mal à dât propit il President Pieri Pittaro te conference stampe che al à fat in borc dal sâl juste martars passâts cuant che al à dit che i furlans dissendents di emigrants ator pal mont a son sui 4 milions di lôr. No saran ducj tai vertiçs dal sisteme economic tai rispetîfs paîs, ma se o provìn a pensâ che in dut il mont, chescj a puedin jessi lis “puartis par jentrâ” tai marcjâts dai 5 continents, la prospetive e gambie. E no pôc. Provait a imagjinâsi che chel fîl che al pues leâ un furlan canadês, cuntun furlan argjentin, passant par un furlan european, fint a un furlan australian si clamedi lenghe furlane, permetint cussì di cori di une bande a di chê altre dal mont, cence mai gambiâ no dome codiç, ma nancje identitât: ce sensazion provaiso cuant che o sintîs a fevelâ par furlan? No ise za di se une clâf che ti vierç cun plui facilitât e in mancul timp chê puarte clamade “difidence”? E ta chest mont che al va simpri plui di corse, i vêrs siôrs a son chei che a rivaran a spindi miôr il lôr timp. No ise une oportunitât che forsit o vin pierdude masse voltis ta chescj agns? Trope economie no puedie zirâ se in ogni continent i furlans a decidin di metisi in rêt e fâsi di tramit par relatîfs marcjâts economics, deventant cussì pont di riferiment par chei altris furlans? Ce isal miôr di dut, se no podê contâ suntune pussibilitât di comunicazion za nestre? Nissun dinee la impuartance di imparâ ancje chês altris lenghis, ancje parcè che chi buine part e cognòs za plui di une lenghe e duncje o pensi che nissun al puedi acusânus di jessi sierâts. Anzit, i studis a confermin che il frut che al nas intun ambient plurilengâl (tal nestri câs, furlan-talian; furlan-castilian; furlan-inglês e vie indevant) al disvilupe abilitâts superiôrs che i dan un vantaç ancje tal imparâ gnovis lenghis (us consei la leture dal libri: “Il cjâf dai furlans” di Franc Fari, neurolinguist furlan di nomee mondiâl). Duncje se o vin za une briscule di plui, parcè no zuiâsile?

La esperience di “La Patrie dal Friûl”
Vignint a la nestre ativitât plui specifiche, lu vin za sperimentât tal concret. Di cuant jo e Dree Venier tal 2006 o sin stâts clamâts di pre Antoni Beline e o vin decidût di metisi al servizi di chest gjornâl storic, nassût tal 1946 e che fin dai prins numars al vignive fûr dut par furlan (ancje in agns che no jerin contribûts pe lenghe furlane), o vin cirût di slargjâ lis colaborazions sedi dal pont di viste anagrafic, tirant dentri zovins e poiantsi su lis tecnologjiis di vuê, sedi dal pont di viste gjeografic. L'impuartant al jere, e al è ancjemò cul diretôr di vuê Dree Valcic, continuâ a fâ un gjornâl par furlan. E la lenghe furlane e je stade il fîl che nus à permetût di tirâ dongje colaborazions di dut il mont: il stes Dree Venier nol vîf in Friûl, ma a Milan; o vin Chiara Segrado che al Cairo, in Egjit, e lavorave te Bancje mondiâl e nus à vût scrit di finance; za di mês o vin a Colonia Caroya Marta Copetti e Claudio Roya che nus tegnin informâts di ce che al sucêt di là dal Ocean; o vin une rubriche su la Austrie, scrite di Janez Erat, un sloven straferît là e inamorât dal furlan; e sul prossim numar di Avost, la federazion dai Fogolârs dal Canadà (cul President Ivano Cargnello e Sonya David) e je stade determinante par podê vê l'onôr di intervistâ Sandra Pizzolitto Pupatello, ministre dal cumierç e dal disvilup economic dal Ontario. Us fâs dome une anticipazion di ce che nus à dit jê (che tra l'altri, e fevele par inglês e benon par furlan e no dome la nestre lenghe) «Il furlan al pues deventâ la “lenghe francje” parcè che o pensi che cuant che i Furlans si cjatin pal mont, chest al è za un pas in plui: il fat di vê lis stessis origjins al permet subit di jessi in sintonie. E al jude ancje i rapuarts economics parcè che tu ti sintis za de stesse famee». E se o zontìn a cheste frase ce che mi à dit subit dopo, che stant la crisi dai USA a stan cirint gnûfs marcjâts e che «Il Friûl al podarès jessi la puarte de Europe pal Canadà», si capìs subit l'aspiet propit PRATIC e ECONOMIC che la afermazion di apartignince di Sandra Pizzolitto Pupatello si tire daûr, e di ce sorte di ocasions che o podìn vê devant. Isal il câs di pierdi un caric di briscule di cheste sorte?
E ducj chescj rapuarts, che a son dome une cerce di dute la ativitât e i contats che o vin vût in chescj passe 3 agns di lavôr, a son nassûts in gracie dal fat che o fevelìn e o scrivìn par furlan. Us dîs chest no cun chê di fâ viodi “ce brâfs che o sin”, ma par dâ un esempli concret di ce potenzialitâts che il nestri popul al à. Noaltris o vin fat zirâ informazion, parcè no podaressial chest il principi chel che al fâs zirâ ancje chei altris rapuarts economics tra i furlans ator pal mont?

La nature nus insegne
Baste cjalâsi ator par vê i insegnaments che ti coventin te vite.
Une plante cence la lidrîs e cence la tiere par supâ ce che i covente par vivi, si secje e e mûr.
Une plante cuntune lidrîs debile, al prin soflâ di burlaç e cole, si secje e e mûr.
Dome chê plante che e à lidrîs profondis, e rive no dome a butâ e a tignî bot ai burlaçs, ma ancje e slargje simpri di plui i siei ramaçs, dant fueis e pomis.
Chei ramaçs, chês fueis e chês pomis che a àn lidrîs in Friûl e che a supin chê linfe che o podìn clamâ lenghe furlane, o sês ducj voaltris, o sin ducj noaltris, Furlans tal mont.

9 commenti:

Christian Romanini ha detto...

sul Messaggero di vuê

DOMENICA, 01 AGOSTO 2010

Pagina 4 - Udine

Il caso

Christian Romanini collabora e fa le funzioni da direttore editoriale per la Patrie dal Friûl. Ieri mattina era sul palco assieme ai relatori. È stato l’unico a leggere il suo intervento in friulano. Dato questo che non è sfuggito ai partecipanti alla kermesse che hanno stigmatizzato il fatto che nessuno dei presenti abbia parlato in marilenghe. Un semplice lapsus? Chissà! Di certo faceva un certo effetto assistere a un convegno che parlava di zovins e furlanetât affidandosi esclusivamente alla lingua italiana. Romanini è stato molto apprezzato dalla maggioranza silenziosa presente nell’auditorium. Un intervento, il suo, da vero innamorato della lingua, della cultura, delle radici friulane. E non è un caso che abbia contestato il fatto che nessuno parlasse in friulano, perché «l’essenza di un popolo – ha sottolineato – è la lingua che parla». Chapeu! (d.pe.)

ILfurlanist ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ILfurlanist ha detto...

Cuissà parcè, da la int ti ven simpri la domande di fevelâ par furlan, che i fâs tant plasê, massime se lu fâs un zovin. Mi capite dispès di sintîmi dî "tu parla in friulano, che lo capisco anche se non son capace di parlarlo". Dai sorestans, invesit, e magari cussì no ancje di un Ent che al à il Friûl tai siei motîfs di fonde, e ven simpri la domande di no fevelâlu parcè che "cualchidun" nol capirès. Cuissà mai parcè...

Sandri ha detto...

E à di jessi une cuistion gjenerazionâl: o scometarès che Christian al jere ancje chel plui zovin a intervignî. Se dopo int di cualchi gjenerazion plui vecje e dîs che il furlan nol covente... sperìn che, cemût che si dîs, il timp al sedi galantom!

Sandri

michi ha detto...

Compliments Christian!

Mandìn a cjase ae svelte cheste gjenerazion di furlans sotans che no doprin mai la lenghe furlane in public....

Ce àno pôre di jessi considerâts contadins e cence culture se fevelin in furlan?

Viodìn di fâ cressi i zovins che no àn di chestis pôris!

maman e grazionis!

Jaio Furlanâr ha detto...

Osco, tu le âs fate lungje,ma amancul tu âs dite dut.Daspó al é un biel esempli di mostrâ parce che un grum di int e crôt che parcé che a son in tun comizi e an di cjacarâ par talian. Bisugne reclamâ l'atenzion che le marilenghe a é une lenghe ufiziâl ancje chê e che si pues doprâ ancje par scrivi un articul e no dome par scrivi il titul.
Mandi

menocchio ha detto...

Vin simpri di ricuardâsi di dula chi sin vignûts, dai nestris vons e da la tiere nestre e da la so storie. La plui impuartante cuistion e che dal identitât.Cence la nestre lenghe no puedin savê cui chi sin, ancje si vivin in il forest il cor al e simpri leât a la nestre tiere.

el lobo ha detto...

Ce bielis peraulis astu cjôlt, Christian!
Scusate il mio friulano, ma jo o soi un "zovin" argjentin di 25 ans, e non posso altro che dare i miei complimenti a Christian per queste meravigliose parole... Io penso dello stesso modo, sarebbe un peccato perdere il friulano come lingua, sarebbe un peccato anche perdere il "mapuche" in Argentina e tante altre lingue che non ci conosciamo ancora... la lingua è una parte fondamentale della cultura de un popolo, e quando si perde, possiamo essere sicuri che si perde anche molto dell' essere di quel popolo.
Mi sembra una grandissima quella idea di usare il friulano come "lingua franca" tra i friulani nel mondo!!! (Ma abbiamo bisogna di proffessori!!! Come si fa ad imparare una lingua così speciale come il friulano quando ad essempio, i miei avi non mi hanno lasciato in marilenghe niente più che il cognome?) Penso come te: in questo mondo globalizzato di oggi, abbiamo bisogna di scoprire chi siamo prima, per sapere dove andare poi...
Io sono stato in Friuli a febbraio per la prima volta, sono uno dei quei giovani che essendo friulano non aveva mai visto, sentito il Friuli, e voglio dirvi questo: ho trovato una regione meravigliosa, non solo bella, ma una società che mi ha fatto sentire come si fossi friulano dal primo giorno, e questo non ha prezzo.. quello che voglio dire è che in Friuli io ho potuto apprezzare la vita semplice, ma bella, a dire: quello che per me è il modo di vita friulano, e ho pensato: io voglio vivere così! Penso che abbiamo bisogna di ricordare questo. Ma non come nostalgia di quello che è stato nei tempi di nostri nonni, no, come ben hai detto, Christian, guardando il futuro. A me piacerebbe un futuro più solidale, dove ci sia un posto per ognuno e dove tutti potremmo essere utili in qualche modo. Sarebbe bellisimo condividere tra quelli che sebbene non siamo 100% friulani, abbiamo il Friûl ben dentri tal cûr.

Christian Romanini ha detto...

O ringrazii ducj chei che mi àn fat capî che ce che o ai dit e scrit chi ur è plasût: une biele iniezion di fiducie che ce che si sta fasint al è just.
Cumò tocje che cheste discussion e continuedi ancje fûr di chi e us domandi di fâ savê ce che o pensais ancje fûr di chest blog.
Parcè che o vin di tignî ben a ments che se no sin noaltris a rivendicâ ce che nus spiete di dirit, nissun nus regalarà nuie.
Grazie inmò a ducj!