18 luglio 2010

Usgnot a Aquilee

Dree Valcic, vuê sul Gazzettino al scrîf cussì.

A son tradizions e apontaments che a segnin la vite dai popui e la manifestazion di usgnot a Aquilee e rapresente un pont fer pal popul furlan.
Di fat, in basiliche aes 6 di sere si cjataran chei che puntuâi a cjapin sù l'invît di Glesie Furlane par ricuardâ i protetôrs di chestis tieris: Ermacure e Furtunât. La celebrazion uficiâl cu la presince dai vescui de regjon e des autoritâts e je za stade, ma chê volude dai predis furlans, erêts dal spirt e de volontât di pre Marchet, Placerean e Beline e à un altri significât.
Definîle alternative al sarès sbaliât e ridutîf. Conotâle cul tiermin “vere”, mi somee plui adat, parcè che al definìs un rapuart di amôr e sperance pal avignî dal Friûl.
Une messe che e ribadìs il sens cristian de solidarietât pai ultins, ma ancje la ferme determinazion a difindi i dirits des minorancis.
In non di chei valôrs universâi che a nasserin te glesie mari di Aquilee, che si faresin sostance tal timp dal Patriarcjât e che vuê, cun fadie, e assediâts di tancj gnûfs “Atile”, a rivivin tra chei che no sbassin lis bandieris dal autonomisim.

1 commento:

Frank Spada ha detto...

W il Friul, alore, soredute usgnot, e che la vite vere nus tegnis pojadis simpri sul ciaf lis mans dai SS Macor e Fortunat.
Mandi furlans di dut el mond