10 giugno 2010

Rispiet

Al è un pôc che al mancje un post gnûf… ma disìn che mi soi cjapât un moment par lei alc di plui e scrivi alc di mancul. Parcè?
Parcè che cuant che tu ti cjatis pes mans pagjinis come chês scritis di Amato De Monte e la sô femine Cinzia Gori, tu ti rindis cont di trop che a pesin lis lôr peraulis e trop invezit che a son cuasi di bant dutis chês altris, comprindudis lis tôs.
Gli ultimi giorni di Eluana” al è un libri che o ai let dut di un flât, cun intensitât e atenzion. Parcè che o volevi capî. O ai simpri cirût di no lassâmi tirâ te confusion di chei dîs, di no cedi a la tentazion de gare a cui che al berghelave di plui par vê reson. E o soi content di no jessi sbrissât, ancje grazie al grant esempli che mi à dât une altre persone impuartante.
Cui miôr di lui che al à cjapade une responsabilitât cussì grande podevial descrivi chei fats? Sigûr che Beppino Englaro al à scrit ancje lui un libri, articui, si è batût par puartâ indevant cheste bataie. Ma cuant che al è jessût chest libri o ai sintude une fuarce strane che mi à dit a colp che o vevi di cjolilu.
E lei lis pagjinis scritis dal miedi De Monte, un riferiment a nivel di anestesie, une specializazion fondamentâl de medisine, mi à fat vignî i sgrisui. Cui che lis à scritis nol veve dome une opinion, ma ancje la competence necessarie par tratâ un câs come chel di Eluana Englaro. E propit leint chestis pagjinis o ai vude la sensazion clare che Amato De Monte al à zontât a la sô preparazion sientifiche ancje chê part di umanitât che e covente in situazions cussì. O ai capît che par lui no si tratave di un “câs Englaro”, ma dal dolôr di une famee che e veve dibisugne di delicatece e rispiet. Robe che invezit tancj no àn fat. Ta chês zornadis ai sintude tante confusion, ma o ai vude la impression che la plui part no à vude chê di metisi in discussion, cirint magari di capî ce che chê famee e à passât.
In tancj a jerin cussì preocupâts di fâ savê ce che al jere miôr fâ, cence magari nancje vê viodude la situazion cui lôr voi, che forsit no àn cirût (o no àn vude voie) di imagjinâ ce che un pari e une mari a puedin sintî denant di une disgracie cussì grande come viodi une fie ferme intun jet par cussì tant timp dopo di un incident, savint cemût che le pensave cheste fie. E claris a vegnin fûr lis contradizions di un sisteme che si è dimostrât une vore impreparât a frontâ tematichis cussì grandis.
Par furtune che invezit a son personis che impreparadis no son. Amato De Monte mi à fat rifleti e lu ringrazii. Lu ringrazii pe sô professionalitât di miedi al servizi di cui che al à bisugne, ma ancje pe umanitât di om che e ven fûr di chest libri. Rispiet de persone, rispiet dal dolôr dai cjârs, rispiet de justizie… sì parcè che forsit, tal grant davoi, plui di cualchidun si è dismenteât ancje dal fat che ce che al è stât fat al jere l’adempiment di un at in non de leç uficiâl in rispiet di une volontât difindude cun trasparence in ducj chescj agns.
Jo no sai cemût che mi sarès compuartât intune situazion cussì... o ai za dit che si varès di jessi li par podê fevelâ, ma dal sigûr o varès domandât di vê la gracie di podê confrontâmi cuntune persone come lui, che mi à dimostrât di cognossi pardabon il significât de peraule “rispiet”.

PS: us consei di lei il so libri, ma ancje di lâ a viodi il sît http://www.pereluana.it/, di lei chest intervent di pre Tonin Cjapielâr che us vevi za segnalât e di scoltâ cheste cjançon di Aldo Rossi "Pari".

1 commento:

Daniele1984 ha detto...

Jo ai seguit solamentri traviers i gjornai e la television "il caso Eluana". Fin da subit hai capit che il Profesor De Monte, Beppino Englaro e altri pochi lors amis, jerin la part "umana" de la vicende,chela che amave veramentri Eluana parcè al so capezal viveve 24 h su 24. Lor non volevin cavalcà la vicende ma presentà all'opinion publiche une situazion poco regolamentade da la lec. Il Friul cemut ai timp di Basaglia e di L. Fortuna l'ha dat une lezion di razionale umanità e jo pensi che chest no si scuintri assulutamentri con il Vangel. Anzichè scagliasi cuintri De Monte e il papà Beppino sares stat mior il cidins, la comprension e caso mai un abrac, gesto desmenteat ma dal grand significat.
Mandi, Daniele M.