04 novembre 2009

La retoriche mi stufe

Ancje chest an al è stât celebrât l'aniversari dai 4 di Novembar.
E jo invezit o ai piât il gno stereo e mi soi scoltât dut il dì "Il Soldatin" di Giorgio Ferigo (fracait il link e scoltait cun atenzion).
Mi son vignudis iniment tantis contis di vecjos soldâts furlans che, massime des bandis di Gurize, vie pe prime vuere mondiâl si svantavin di no vê mai trat un colp: o sai di un che al contave adiriture "Trai a chei di là? Ma sêstu mat: no vevi migo voie di becâ gno cusin che al jere aruolât cun chei altris!"

15 commenti:

Guglielmo ha detto...

D'accordo, d'accordo. Peró almeno questi "vecchi" sono tornato a casa per poter raccontare le loro gesta.

Ma dei quasi 700.000 che non sono tornati che dire?

Vero che molti morirono sulle alpi per congelamento e malattie e non per vicende di combattimento e quindi anche loro non spararono al "cugino". Tenga peró presente che "il cugino d'oltre confine" verosimilmente gli austriaci l'avevano spedito a combattere sui Carpazi e sul fronte Russo proprio per evitare che avessero tendenze irredentiste. Si informi, la cosa era praticamente prassi per l'esercito austriaco con gli italiani. Gli austriaci non si fidavano dei friulani che combattevano con loro. Evidentemente gli italiani si fidavano molto di piú dei friulani.

Ad ogni modo, il 4 novembre ricordiamo i 700.000 caduti con buona pace di chi scampó le battaglie dell'Isonzo senza sparare un colpo.

Christian Romanini ha detto...

Lassìn pierdi la cuistion che i talians di fidavin dai furlans... o miôr, si fidavino o nus àno doprâts come cjar di canon?
La uniche robe di fâ e je propit ricuardâ i muarts (centenârs di miârs che no le vevin sielte, ma che a àn patît lis piês conseguencis) che no son tornâts par colpe di une vuere inutile, come dutis lis vueris.
Un pinsîr par ducj chei zovins che a son stâts obleâts a partî pal front ma che no àn plui viodût lis lôr fameis e lis lôr fameis no ju àn plui viodûts lôr.
Une tragjedie che e à segnade la vite di tancj furlans e des lôr fameis tal secul passât... tra chestis ancje chê di une frutine di Farle che e sarès deventade mê none: so pari, il gno nono bis, Giobatta Furlan, dispierdût in vuere.

Jaio Furlanâr ha detto...

Cu le gnove capele comemorative fate sù dai ungjarês e screade chist an cun tant di militârs, politics e prelâts talians sul puèst indulà che i talians a no an tirât un colp, a mi somee che il "4 e trê siet e vie in te sachete" al sarès scuâsit plui di mode:-)

Guglielmo ha detto...

Lassìn pierdi la cuistion che i talians di fidavin dai furlans... o miôr, si fidavino o nus àno doprâts come cjar di canon?

beh, no. Non lasciamola perdere. Parliamone invece.

Se i friulani venivano mandati a combattere (come carne da macello vista l'incompetenza e la delinquenziale strategia di chi comandava a partire da Cadorna) assieme ai Toscani, Sardi, Siciliani, Veneti, Piemontesi etc. sul fronte di Gorizia (famosa la canzone "O Gorizia, tu sei maledetta") vuol dire appunto che "gli Italiani" si FIDAVANO del fatto che i friulani avrebbero sparato qualche colpo su chi stava dall'altra parte.

Se gli "Austriaci" spedivano i "goriziani" sui Carpazzi a combattere i Russi (famoso qui il canto "Sui monti Scarpazzi") vuol dire che NON SI FIDAVANO dei "loro" friulani". O no?!?

Si puó poi aprire anche una discussione sui campi di Marchtrenk, Milovitz, Katzenau etc. nei quali gli asburgici rinchiusero i friulani (e trentini) accusati di atteggiamento anti-austriaco. Rinchiusero civili dei nostri paesi, donne e giovani e molti morirono di stenti nonostante oggi gli austriaci minimizzino e tentino di nascondere questa realtá scomoda.

Senza retorica, parliamone...

Andri ha detto...

Perchè gli italiani non hanno fatto uguale alla fine della guerra mandando al confino sacerdoti e cittadini "austriacanti"? La retorica mi pare sempre a senso unico...

Guglielmo ha detto...

Verissimo, incluso mons faidutti. Questo ha dato il via libera ai socialisti nella venezia giulia non avendo piu' I preti locali. Quindi in definitiva dei veneto giuliani non si fidavano gli austriaci durante la guerra ne' gli italiani dopo la guerra...che popolo sfortunato!

Guglielmo ha detto...

Dismenteavi une robe. De gasperi lu vin perdonat eccome! Parlamentar a vienne e dopo statist pa italie...

ILfurlanist ha detto...

Guglielmo, scuse: la discussion e je interessante, ma no si pues sigûr dâi dal "veneto giuliano" a bons. Faidutti!!!!!
O speri che tu ti sedis esprimût mâl. Il fondadôr de Federazion dai consorzis agricui dal Friûl (gurizan, ovvio), de Bancje furlane, membri dal Partît catolic furlan, che al domandà la autodeterminazion dal popul furlan al Palament di viene...
De Gasperi al jere tal parlament di Viene ma si declarave talian, Faidutti al à vût il tuart di declarâsi furlan, e ducje lu an spedît.

Christian Romanini ha detto...

Mandi Guglielmo,
fevelìn pûr cence problemis ni retoriche.
Mi à simpri plasût confrontâmi e ancje ameti cuant che o ai fat erôrs.
E su chest argoment o vevi fevelât ancje tal 2006. E li mi vevin fat presint che cuant che o jeri plui zovin o vevi dit robis difarentis. Cence nissun probleme, o torni a segnalâ chel post: fracait chi.

Christian Romanini ha detto...

Po dopo, ti ripuarti ancje un coment di Linda che e à scrit su Facebook chestis impressions a proposit di chest argoment:

No pues zont... Visualizza altroâ nuie altri Christian, tu âs dite dut tu (ben) ce che al coventave. Ancje i miei nonos a àn vudis lis lôr medaiis al valôr: il plui vecjo al à fate la vuere dal '15, il plui zovin diviersis campagnis de seconde, finint cu la Russie. Nol è mai stâ un svant, anzit. Cidinôr e displasê, chel sì. Lu insegnave za tancj agns fa chi a Bordan don Gjulio Ziraldo, criticant lis benedizions e lis manifestazions in clâf militâr, che ae fin no jerin comemorazions di chei biâts fruts, ma espressions di un patriotisim parât dentri a fuarce e che al à puartât dome a muarts, miseriis e displasês. Ma salacor al jere masse indenant, e ancjemò cumò si viodin chestis comemorazions che a semein cuasi nostalgjichis. Po ben, jo chei muarts no ju pensi e no prei par lôr denant des lapidis cinichis che a fevelin di erois e di martars, ma ju ten tal gno cûr e ju pensi par chel che a jerin: fruts che magari a vevin "fat cualchi pastiel par lâ soldâts", ma che ae fin, "sarà pal vizi antîc che a àn i oms di pensâ", a crodevin dal sigûr che al sarès stât just "voltâ sui tacs e sbarâ ai parons di cheste becjarie, a chei che di cheste coparie a àn il monopoli come il sâl e i tabacs".

Christian Romanini ha detto...

Cun di plui us fâs lei ce che al scriveve pre Antoni Beline tal mês di Mai dal 2005 a proposit de prime vuere mondiâl: A novante agns dal stragjo inutil lait a lei chi.

Guglielmo ha detto...

"veneto giuliano" a Mons. Faidutti a intindevi disi che al vignive da atual province di Gurize. OK, l'ere un furlan (di cormons no?).

Se tu disis tu che i talians lu an fat cori parce' che si diseve "furlan" ti crot. pero' el fat l'e' che i predis tal Imperi a vevin le deleghe da istruzion elementar e atris podes locai. Parcui colpi' el predi local l'ere ta che volte, colpi' el predi cal educave e inculcave ta int el sentiment "pro-austrie".

In fat ducj i predis dal friul austriac e da vignesie julie a son staz sostituiz. Faidutti l'ere el pi visibil el funzionave di esempi evidentementri. No crot cal fos parce' che si ere dichiarat "furlan". O almancul no "dome par chel".

Guglielmo ha detto...

dal intervent di l'an pasat...si cjatìn a celebrâ "La vittoria".

Disin che "La vittoria" cui voi di ue' a sune fur puest. Infati, si celebre "la festa delle forze armate e dell'unita' d'italia" e no ie pi une fieste nazional.

Chi a sarin in disacordo, ma io a celebri che fieste chi (in tun cimiteri militar all'estero dula' ca soi cumó). Pecjat che no ie pi fieste nazional. Centenars di muarz in divise l'e' iust ricuardaiu sie che si pensedi che le uere fos iuste o ca fos sbaliade.

Seno ce fasino? smantelino i monumenz ai colaz in ogni pais parcé ca la uere iere sbaliade?

El discors dai noms da viis mi cjate pi d'accordo. Vie Cadorne sares di scanzela' par dut. Vie Diaz non savares pero', lui le uere le a fate fini!

Guglielmo ha detto...

ai let pre beline e chei atris intervenz. A soi piardut.

Se el problema son lis lapidis che riclam al eroismo indefesso dei nostri valorosi soldati... beh, sempliz. Spindin un franc e cambinlis. Lis an scritis tai anni Venti in timp di retoriche fasiste.

Doi francs e lapidis gnovis cun scritis pi sobris.

Onestamentri pero' io no ai mai partecipat a manifestazions ca celebravin el eroismo indefesso dei nostri valorosi soldati. El 4 novembre (a sunavi in tune bande e andai seguiz un biel pocs par ains) l'e' simpri stade un ricuart dai muarz di dutis le ueris.

Ai simpri sintuz discors sule inutilitat de ueris e stupiditat dal copasi tra nazions vicinis. Se un sindic autonomist une di mi conte le storie dai doi cusins un di ca e un di la dal cunfin, mi va ben compain. Ancje se cualchi dun al disara' che ie retoriche autonomiste...

Luca Peresson ha detto...

La fine e l'inizio
(di Wislawa Szymborska*)

Dopo ogni guerra
c'e' chi deve ripulire.
In fondo un po' d'ordine
da solo non si fa.

C'e' chi deve spingere le macerie
ai bordi delle strade
per far passare
i carri pieni di cadaveri.

C'e' chi deve sprofondare
nella melma e nella cenere,
tra le molle dei divani letto,
le schegge di vetro
e gli stracci insanguinati.

C'e' chi deve trascinare una trave
per puntellare il muro,
c'e' chi deve mettere i vetri alla finestra
e montare la porta sui cardini.

Non e' fotogenico
e ci vogliono anni.
Tutte le telecamere sono gia' partite
per un'altra guerra.

Bisogna ricostruire i ponti
e anche le stazioni.
Le maniche saranno a brandelli
a forza di rimboccarle.

C'e' chi con la scopa in mano
ricorda ancora com'era.
C'e' chi ascolta
annuendo con la testa non mozzata.
Ma presto
gli gireranno intorno altri
che ne saranno annoiati.

C'e' chi talvolta
dissotterrera' da sotto un cespuglio
argomenti corrosi dalla ruggine
e li trasportera' sul mucchio dei rifiuti.

Chi sapeva
di che si trattava,
deve far posto a quelli
che ne sanno poco.
E meno di poco.
E infine assolutamente nulla.

Sull'erba che ha ricoperto
le cause e gli effetti,
c'e' chi deve starsene disteso
con la spiga tra i denti,
perso a fissare le nuvole.

* Nobel Prize in Literature 1996