22 febbraio 2009

A mi no mi displâs

L'unic corispondent che o ai tignût di voli al è stât trentespagnolets: no ai viodût il Festival, ma o scuen ameti che no mi à displasût... come che no mi à displasût cuant che o ai sintude cheste cjançon...

3 commenti:

ninine ha detto...

Ma scuse, se no tu lu âs viodût cemût fâtu a dî che ti è plasût?!?! =/

Daniele1984 ha detto...

A tu ragjion chele frute, nasude a Genue je freuline e sclete!. La melodie jentre subit tal cjaf.

patrizia ha detto...

A me sta facendo venire il diabete. Canzone banale ma carina. Il personaggio invece è di una ingenuità, un po troppo, un po' tanto,
astutamente costruita... D'altra parte una risposta alle veline e
velone che circolano nel panorama della canzone ci voleva, no?
E come si puo' contrastare una parata di cantanti modelle, satinate e patinate?.
Con un look "nerdy" e un'aura ingenua. A cominciare dalla scelta dell'abbigliamento, la montatura di occhiali, trucco e parrucco, scelta delle parole e dei messaggi da veicolare nelle interviste..
Un personaggio ben costruito ma non che farà molta strada, manca di originalità.