10 febbraio 2010

Memorie infoibade

[...] Ce che mi fâs dubitâ de utilitât di chestis comemorazions al è che i vêrs protagoniscj no son lis vitimis muartis e chês restadis in vite, ma lis formazions partitichis o ideologjichis, che a doprin la storie come une tiracje e, se no ur torne cont, a fasin di dut par rimovi lis pagjinis no propit esaltantis de lôr militance [...]

pre Antoni Beline, Cirint lis Olmis di Diu, ai 17 di Fevrâr dal 2007 (par lei dut, fracait chi)

Cun di plui us segnali ancje chest document dal scrit di une comission taliane-slovene che al fevele di chest argoment. Pecjât che, ancje se in Slovenie al è stât publicât dal Guvier, chi inmò no. Fracait chest link.

Achì dut il pdf dal document.

2 commenti:

Vitellozzo Silverdeschi ha detto...

soi d'accordo che dut si viarz a une strumentalizazion però, senze le comemorazion si dismenteares dut. O ditu di no? Pense che a Gonars, se no vesin fat un libri e un DVD (pa cronache, fat di un editor di sinistre) o un monument (inaugurat di une giunte di djestre ma pensat di une precedente di sinistre) le int no savares nancje dulà ca l'ere el campo di prigjonie da seconde uere. Lu varesin dismenteat. Alore, isal mior commemorà cul rischio di strumentalizazions o isal mior no fa nie cul rischio di dismenteà? Io voti pa prime opzion... mandi mandi

Christian Romanini ha detto...

Mandi e benvignût,
jo no ai migo dit di no fâ nuie.
di fat o soi jo che o ai proponût il post e mi cjapi la responsabilitât di ce che o ai scrit in ogni rie dal blog.
E o soi content che o sin dacuardi suntun pont: che lis strumentalizazions no van ben.